Cerca

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA

Nuovo stent riassorbibile in 12 mesi
Il primo impianto all’ICCS di Milano

2 Ottobre 2016

0

In Italia il primo intervento con questo dispositivo è stato eseguito nel giugno scorso presso l'Istituto Clinico Città Studi di Milano, selezionato (con altri in Italia) per l'impianto delle prime mille protesi in Europa. Attualmente sono già stati trattati con successo sette pazienti. Lo stent è un piccolo dispositivo cilindrico che ha il compito di mantenere aperti i vasi coronarici interessati da una stenosi (restrizione). La caratteristica innovativa del nuovo stent è quella di offrire, grazie alla struttura in magnesio, una buona stabilità di supporto per il tempo necessario a evitare una nuova stenosi nell'arteria, senza dover mantenere a tempo indefinito la rete metallica dei precedenti dispositivi di questo tipo. E nel lasso di tempo di soli 12 mesi viene bioassorbito dall'organismo.

Il reparto di Cardiologia e il laboratorio di Emodinamica del 'Città studi' sono tra i centri italiani abilitati all'impianto grazie all'elevata professionalità del personale medico diretto da Michele Bianchi. Ma, come riferisce l’agenzia ANSA, non è il solo 'fiore all'occhiello' dell'Istituto milanese: presso la sua divisione di cardiologia viene eseguita da due anni, a paziente sveglio, una procedura di 'occlusione auricolare percutanea' su pazienti con fibrillazione atriale, che permette, tramite un ombrellino posizionato nell'atrio sinistro del cuore, di azzerare il rischio di ictus. Questo intervento, di norma eseguito in anestesia generale, ha una durata più che dimezzata rispetto ai precedenti e permette di evitare la terapia intensiva post-operatoria.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Gregoretti, Giancarlo Giorgetti: "La maggioranza vuole il processo politico, la gente sta con Matteo Salvini"

Giorgetti contro il Pd: "Ci deridono per i comizi? Loro organizzano  solo giovanotti che cercano di impedirli"
Luigi Di Maio corregge il tiro dopo la gaffe: "Italia informata dagli Usa subito dopo il blitz a Soleimani"
Paolo Becchi sulla legge elettorale: "La Consulta può ammazzare il maggioritario e favorire l'ingovernabilità"

media