Cerca

DERMATITE ATOPICA

Almirall e Dermira insieme
per ‘lebrikizumab’ in Europa

Almirall acquisisce i diritti di sviluppo e commercializzazione di Lebrikizumab per la dermatite atopica in Europa. L’anticorpo monoclonale sperimentale anti-IL-13 è in fase 2B di sviluppo e i dati sono attesi per i primi di Aprile 2019

2 Marzo 2019

0
Almirall e Dermira insieme per ‘lebrikizumab’ in Europa

Almirall e Dermira hanno annunciato di avere stipulato un accordo in base al quale Almirall ha acquisito un'opzione per ottenere in licenza esclusiva i diritti di sviluppo e commercializzazione in Europa di 'lebrikizumab', indicato per il trattamento della dermatite atopica. In cambio Dermira riceverà un pagamento anticipato di 30 milioni di dollari: se poi Almirall eserciterà l’opzione di ottenere la licenza a seguito dei risultati dello studio di fase 2b in corso, Dermira riceverà una commissione di $50 Milioni e avrà diritto a ricevere ulteriori royalty per sviluppo, regolamentazione e vendite. Lebrikizumab è un anticorpo monoclonale sperimentale che blocca il segnale di IL-13, una citochina che gioca un ruolo chiave nella patogenesi della dermatite atopica da moderata a grave. Sulla base del ruolo centrale di IL-13 nella dermatite atopica e del profilo unico di lebrikizumab, che comprende un meccanismo d'azione differenziato, l'alta affinità per IL-13 e la robusta farmacocinetica, Dermira e Almirall confidano che lebrikizumab possa offrire l'opportunità di fornire una terapia convincente combinando sicurezza, tollerabilità ed efficacia, convenienza e facilità d'uso per le persone con dermatite atopica da moderata a grave e per i professionisti sanitari che si prendono cura di loro.

"Poichè è una condizione debilitante e con opzioni di trattamento limitate, la dermatite atopica da moderata a grave rappresenta un'importante esigenza medica non soddisfatta. Almirall condivide il nostro impegno per la dermatologia e l'entusiasmo sull'opportunità che ha lebrikizumab di migliorare il livello di cura per i milioni di persone che vivono questa malattia – ha detto Tom Wiggans, presidente e AD di Dermira – Questa transazione è un'eccellente opportunità finanziaria, operativa e strategica per Dermira, e siamo lieti di avere la possibilità di coinvolgere Almirall, il suo programma di sviluppo e la sua competenza commerciale per contribuire a rendere disponibile lebrikizumab in Europa, mentre noi continueremo a occuparci dello sviluppo e della potenziale commercializzazione negli Stati Uniti". Secondo i termini dell'accordo, Almirall effettuerà un pagamento iniziale di $30 milioni a Dermira in cambio di un'opzione per l'acquisto di una licenza esclusiva per sviluppare il lebrikizumab nelle indicazioni dermatologiche e commercializzare il farmaco in tutte le sue indicazioni in Europa. A seguito della disponibilità dei dati preliminari della Fase 2b dello studio clinico in corso, Dermira fornirà ad Almirall tutte le informazioni, quindi Almirall avrà 45 giorni per esercitare la sua opzione. Se sceglierà di farlo, l'azienda pagherà a Dermira una commissione di esercizio sull'opzione di $50 milioni.

Se Almirall eserciterà la sua opzione, effettuerà pagamenti aggiuntivi a Dermira al raggiungimento di alcuni traguardi prefissati, tra cui $30 milioni con l'avvio di alcuni studi clinici di fase 3 e fino a $85 milioni al raggiungimento di altre tappe stabilite compresa la prima commercializzazione di lebrikizumab in Europa. Inoltre, Dermira avrà diritto a ricevere i pagamenti dopo il raggiungimento di determinate soglie per le vendite nette di lebrikizumab in Europa, nonché per i pagamenti di royalty, che rappresentano una parte del fatturato netto di lebrikizumab in Europa. "In Almirall, continuiamo ad approfondire il nostro impegno per la dermatologia – ha detto Peter Guenter, AD di Almirall – La dermatite atopica è una condizione che colpisce milioni di persone che vivono in Europa e noi siamo lieti di sostenere lo sviluppo e la commercializzazione di lebrikizumab, un trattamento che secondo noi può diventare la migliore terapia per questi pazienti. Siamo entusiasti di collaborare con Dermira e attendiamo con ansia i risultati positivi dello studio di fase 2b per poi passare agli studi di registrazione". (FABRIZIA MASELLI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media