Cerca

Cambia la storia

Gioconda di Leonardo, l'inquietante scoperta ad Harvard: "Dietro al sorriso una grave malattia"

5 Settembre 2018

0
Gioconda, Monna Lisa, Leonardo Da Vinci

La Monna Lisa dalla sua creazione ha tenuto impegnati molti studiosi a causa di alcuni tratti di dubbia interpretazione. Un'altra perplessità, che si aggiunge alla lunga lista, è stata rivelata da Mandeep R. Mehra, ricercatore della Harvard Medical School, ed è quella secondo cui la Gioconda soffrisse di ipotiroidismo.

L'ipotesi del docente si basa sul colore della pelle, sui capelli e sulle sopracciglia diradati e sull'accenno di gozzo che avrebbe dipinto Leonardo. Il ritratto, però, non sembrerebbe rappresentare il falso. In realtà, la moglie di Francesco del Giocondo, Lisa Gherardini, soffriva di un'insufficienza alla tiroide dovuta al parto, avvenuto poco prima dell'inizio del dipinto, e dalle abitudini alimentari diffuse durante il Rinascimento in Italia poverissime di iodio.

Studi di questo genere sulla Monna Lisa sono già stati fatti in precedenza, per la precisione nel 2004. Nella diagnosi fatta da reumatologi ed endocrinologi le avevano trovato uno Xantelasma dato dalle lesioni sulla palpebra superiore sinistra e da un lipoma sottocutaneo nella mano destra che avrebbe causato un rigonfiamento del dorso. Con queste basi si era pensato che la donna soffrisse di iperlipidemia, un disturbo genetico del metabolismo che comporta l'aumento di colesterolo che a sua volta porterebbe a un aterosclerosi.

Con questa ipotesi si affaccia qualche possibile risposta sul tanto discusso sorriso della Gioconda. Il sorriso appena abbozzato parrebbe essere dovuto a un deficit psicomotorio e a una debolezza muscolare che avrebbero impedito alla Monna Lisa di aprirlo di più (paralisi di Bell).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media