Cerca

Instabilità

Vittorio Feltri: "Ho le prove, gli italiani sono dei cialtroni"

24 Aprile 2017

20
Vittorio Feltri: "Ho le prove, gli italiani sono dei cialtroni"

Se osservi la realtà ti rendi conto che gli italiani, politici, giornalisti, specialisti in varie materie, sono portati a sottovalutare o a sopravvalutare i fenomeni sociali, di costume, perfino economici. Qualche esempio a casaccio. Tempo fa un giovane intellettuale si trasferisce in Egitto, dove vige una dittatura, e si impegna a studiare i problemi sindacali locali. Lo uccidono previe torture. Una fine orrenda.

La povera vittima non aveva valutato i pericoli della sua attività, anzi li aveva sottovalutati. Idem il ragazzo reporter che si è recato in Turchia per realizzare servizi giornalistici. Non ha valutato che quel Paese è una porcilaia ideologica in cui le garanzie democratiche sono inesistenti. Anni fa Berlusconi sosteneva che la citata Turchia doveva entrare in Europa, perché era ed è un mercato importante. Valutazione errata. Certo, trattasi di nazione in cui i consumi sono notevoli, ma ancor più notevole è il fatto che essa è inaffidabile, tant' è che è in procinto di reintrodurre la pena di morte, per dirne una, e sorvoliamo sulla circostanza che Erdogan è un macellaio.

Anni orsono alcune ragazzette non particolarmente avvedute andarono in Iraq mentre infuriava la guerra, furono rapite e per liberarle l' Italia dovette sborsare milioni di euro, soldi nostri sia chiaro. Altre due fanciulle piombarono in Siria e ebbero la stessa sorte: sequestrate. Nuovo esborso ingente per riportarle a casa. Insomma, quanto ci costano coloro che sottovalutano ciò che fanno? L' equilibrio non è il nostro forte.

Renzi subito dopo essersi dimesso in seguito al fallimento referendario, dichiarò: bisogna votare subito. Recentemente si è contraddetto: le consultazioni anticipate sarebbero una follia. A quale Matteo dobbiamo dare retta? Comunque siamo già in campagna elettorale, tanto per cambiare. Nascono partiti come funghi. A destra ne ha organizzato uno Parisi, a sinistra c' è quello di Pisapia. Il Pd è riuscito nell' ardua impresa di spezzettarsi: ecco i frammenti di Emiliano, di Orlando, di Bersani, Speranza, D'Alema, Cuperlo, Fassina. Gli ex comunisti ormai sono una marmellata.

A destra situazione analoga se non peggiore. Forza Italia, Lega e Fratelli d' Italia un giorno si uniscono e il giorno appresso si mandano al diavolo. Il centro è una centrifuga. La stampa e la televisione sono istituzionalmente di parte, però non sanno da che parte stare, vanno un po' di qua e un po' di là. In questo caos cresce soltanto il Movimento cinque stelle, una sorta di pattumiera che raccoglie i compatrioti incazzati o delusi che ragionano così: scegliamo Grillo per fare rabbia alle formazioni politiche tradizionali.

Il lettore ricorderà che per un periodo non breve il tema più dibattuto era la legge elettorale. La quale ora è stata completamente dimenticata: non se ne parla nemmeno. Accantonata. Peccato che al massimo tra dieci mesi si apriranno le urne causa scadenza naturale della legislatura. Dalla sopravvalutazione delle norme elettorali si è passati alla sottovalutazione, cosicché ignoriamo in base a quali criteri sarà rinnovato il Parlamento.

Se infine ci atteniamo ai sondaggi, ci corre l' obbligo di segnalare che nessun partito raggiungerà una quantità sufficiente per ottenere la maggioranza e quindi per governare. Questo ostacolo è bellamente sottovalutato, quasi che non esistesse.
Andremo al seggio consapevoli che sarà un esercizio platonico, inutile e produttore di una confusione senza via d' uscita. Vincerà l' ingovernabilità. Dominerà l' instabilità. L' unica certezza sarà l' incertezza. Come sempre la sola cosa che progredisce è la precarietà.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Runasimi

    Runasimi

    26 Aprile 2017 - 00:12

    Come tutte le verità purtroppo è amara, ma è la verità. Un esame di coscienza che dovrebbero fare tutti. Ma nel nostro paese enormi masse di allocchi preferiscono dare il voto ai cialtroni che urlano, togliendo forza a chi invece merita di essere sostenuto. Tra grillini travestiti da onesti e comunisti travestiti da democratici il nostro paese affonda sempre più.

    Report

    Rispondi

  • marcadabollo

    25 Aprile 2017 - 22:10

    Un popolo di baciachiappe, che hanno paura della loro ombra. Per questo amano far attraccare piu clandestini possibili. Pirla!

    Report

    Rispondi

  • straniero

    25 Aprile 2017 - 13:01

    Boom! Massacrato Lumacone Feltri! Cialtrone sarai tu. Gli italiani son coglioni come te che hanno votato il nano di Arcore! Cosi lui si è arricchito con i soldi nostri e un po li ha dati anche a te ( i soldi nostri) e gli italiani sono ridotti alla fame! E poi hanno votato un tale Angelucci che in parlamento ha il 99,9 di assenteismo! Studia Lumacone feltli studia!

    Report

    Rispondi

    • levantino

      25 Aprile 2017 - 15:03

      Vorrei sapere da " straniero " se paga il canone o se si avvale delle televisioni (non a pagamento) del nano di Arcore, Che lui di soldi non glieli ha mai dati. Alla RAI (con la famosa bolletta)forse sì. Se studia come lei,allora salvati patria!!! Sarei curioso,ma dove ha studiato?

      Report

      Rispondi

    • Ramandolo

      25 Aprile 2017 - 14:02

      Dimmi che cosa ha detto che non sia vero e do la ragione a te che pensi di essere più scaltro di tutti gli italiani che in questi ultimi trent'anni non hanno fatto niente per cambiare le cose se non lamentarsi,e tu chi hai votato in tutti questi anni? Pd? Fi? Pdl vari??E magari ora 5 stelle...Ma va là...Solo criticare gli altri e non guardare il proprio!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

media