Cerca

la rivelazione

Mogol svela il motivo dell'uscita di scena di Battisti: "Nel '68 o eri falce e martello o eri un fascista"

5 Settembre 2018

2
Mogol svela il motivo dell'uscita di scena di Battisti: "Nel '68 o eri falce e martello o eri un fascista"

"Lucio Battisti abbandonò le scene perché glielo consigliai io". A parlare è l'autore Giulio Rapetti, in arte Mogol. Il suo nome è legato a quello del cantante, il cui sodalizio ha dato vita a canzoni rimaste nella storia. "Il '68 fu un anno terribile: o eri falce e martello, o eri un fascista, per quello dissi a Lucio di ritirarsi - racconta Mogol a La Repubblica- meglio stare a casa che essere contestato durante i concerti". "Addirittura ci accusarono di essere fascisti perché nel testo La collina dei ciliegi venivano nominati i boschi di braccia tese - continua l'autore -. Ma era un'invocazione, i palmi levati l'uno verso l'altro sono diventati saluti fascisti. Che follia". 

Mogol spiega anche la questione che li ha divisi: "Nella vita ho una compagna che resterà per sempre al mio fianco, si tratta della stima. E quando proposi a Lucio di dividere le edizioni, lui non volle. Avessi ceduto per tornare insieme, non mi sarei rispettato, e io tengo tantissimo alla mia autostima. Se hai stima di te stesso, hai una compagna fino alla morte". "Prima che morisse, feci recapitare, in ospedale dove era ricoverato, una lettera. Solo dieci anni dopo seppi che si commosse" conclude il paroliere.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    05 Settembre 2018 - 22:10

    sessantottini di merda.

    Report

    Rispondi

  • cosean1

    05 Settembre 2018 - 20:08

    Sembra di essere in Unione Sovietica. Ora però. Non ai tempi di Battisti. Chi è dell'ambiente sa che Battisti non ha mai fatto concerti non per il volere di altri, ma solo perche non riusciva a cantare più di duo o tre canzoni alla volta. Il suo massimo eploit fu un duetto con Mina della durata di dieci minuti nel 70. La propaganda è di tipo comunista.

    Report

    Rispondi

media