Cerca

Sostenibilita

Reti elettriche intelligenti al centro dell'"Italian Smart Grids Forum"

Gallo (Enel): "Indispensabile ripensare le modalità di gestione"

La giornata prevede la partecipazione di regolatori e decision-maker politico-istituzionali, rappresentanti del mondo delle utilities, delle imprese, della finanza e della ricerca

18 Ottobre 2012

0
Reti elettriche intelligenti al centro dell'"Italian Smart Grids Forum"
La giornata prevede la partecipazione di regolatori e decision-maker politico-istituzionali, rappresentanti del mondo delle utilities, delle imprese, della finanza e della ricerca

Roma, 18 ott. - (Adnkronos) - Per fare il punto sullo stato attuale e sulle prospettive delle reti elettriche intelligenti in Italia, evidenziando le sfide da affrontare per promuoverne lo sviluppo e il ruolo che giocano a sostegno del sistema energetico, torna oggi a Roma la terza edizione dell'Italian Smart Grids Forum. La giornata prevede la partecipazione di regolatori e decision-maker politico-istituzionali, rappresentanti del mondo delle utilities, delle imprese, della finanza e della ricerca. L'evento è organizzato in collaborazione con Enel, main sponsor dell'evento, Ibm e con il patrocinio di Fire

"Gli obiettivi delle reti intelligenti sono in primo luogo quello di integrare in rete nuovi servizi e infrastrutture, in modo da ridurre l'impatto ambientale e climatico, accrescere l'autosufficienza e la sicurezza energetica, ridurre i costi e, in generale, aumentare l'efficienza del sistema. Inoltre, sono una diretta conseguenza della liberalizzazione del mercato - spiega Livio Gallo, direttore divisione Infrastrutture e Reti Enel - In uno scenario in cui è possibile essere allo stesso tempo consumatori e produttori di energia, è indispensabile ripensare le modalità di gestione delle reti elettriche".

Queste, oltre a garantire efficienza, sicurezza e qualità del servizio, "devono soddisfare nuove esigenze, quali quelle di gestire flussi di energia multi-direzionali e di fornire informazioni ai consumatori-produttori sull'andamento del mercato e a alle società di distribuzione su ogni aspetto tecnico di gestione della rete. Grazie alle Smart Grid sarà possibile aumentare la qualità del servizio, pur in presenza di un sistema più complesso, caratterizzato da crescenti quantitativi di energia fornita in modo intermittente da un gran numero di piccoli impianti a fonti rinnovabili", conclude Gallo.

Ad aprire i lavori della giornata, l'intervento di Michele De Nigris, presidente di Isgan (International Smart Grids Action Network), chiamato a fare un bilancio sulla diffusione delle reti intelligenti a livello italiano e internazionale, mettendone in luce i recenti sviluppi e le prospettive future.

Il focus della discussione nella prima parte dell'evento saranno le politiche e i programmi governativi nazionali e comunitari, gli orientamenti regolatori, i piani di incentivazione, gli strumenti di finanziamento e i percorsi di implementazione delle smart grids in Europa e in Italia. A seguire, si parlerà di sfide, strategie e opportunità derivanti dalla diffusione delle reti intelligenti in Italia i principali stakeholder e operatori.

Nella seconda parte dell'evento ci si confronterà invece sui progetti pilota in Italia e in Europa, analizzando lo stato di avanzamento e gli obiettivi raggiunti e delineando le prossime azioni a sostegno dello sviluppo di una "smart society".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media