Cerca

Sostenibilita

Ecoinnovazione made in Italy in flessione nel 2011 rispetto all'anno prima

Lo rileva l'Eco-Is

Prestazioni positive, anche sopra la media europea, invece, per i risultati ambientali e socio-economici

7 Novembre 2012

0
Ecoinnovazione made in Italy in flessione nel 2011 rispetto all'anno prima
Prestazioni positive, anche sopra la media europea, invece, per i risultati ambientali e socio-economici

Rimini, 7 nov. - (Adnkronos) - Nel 2011 l'ecoinnovazione made in Italy è in flessione rispetto al 2010. Lo rileva l'Eco-Is (Eco-Innovation Scoreboard, 2011) prendendo in esame la prestazione italiana in materia di utilizzo di prodotti, processi, sistemi gestionali, attraverso cui si consegue una riduzione dei flussi materiali, del consumo di energia, dell'inquinamento e degli altri fattori di pressione sull'ambiente. Sulla base dell'analisi 2011, infatti, nell'Europa allargata l'Italia figura al sedicesimo posto contro il 12esimo del 2010.

Il dato è contenuto nel "Rapporto sulla green economy", realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi, in collaborazione con l'Enea, e presentato oggi a Ecomondo-Key Energy di Rimini, in occasione degli Stati generali della Green Economy. Secondo il rapporto, l'Italia mostra comunque prestazioni positive, anche sopra la media europea, per i risultati ambientali e socio-economici mentre riguardo più specificatamente l'ecoinnovazione, gli input, le attività e gli output conseguiti sono sotto la media europea. Tra i risultati positivi, meritano menzione le certificazioni di sistemi di gestione ambientale, la produttività energetica, l'intensità delle emissioni di gas serra, lo sviluppo del lavoro nelle eco-industrie e il turn-over nelle stesse.

Possibilità di significativi miglioramenti sono evidenti riguardo al valore totale degli investimenti "verdi" nelle fasi iniziali, attività di innovazione condotta da aziende con lo scopo di ottenere riduzione di uso di materiali/energia, brevetti su ecoinnovazione, pubblicazioni e diffusione attraverso media, produttività idrica, esportazione di prodotti dalle eco-industrie. Un comportamento particolarmente virtuoso dell'Italia riguarda l'implementazione di ecoinnovazione a fini di riduzione degli impatti ambientali e di miglioramento delle prestazioni aziendali ma un grave ritardo nello sviluppo di ecoinnovazione che quindi in buona parte viene importata e non prodotta in Italia.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media