Cerca

Sostenibilita

Dall'Ue 2 miliardi per un'industria dell'auto più competitiva e sostenibile

Tra fine mese e inizio dicembre incontro con sindacati, industria e ministri

Il commissario europeo all'Industria Antonio Tajani presenta il piano d'azione di investimenti nella ricerca e l'innovazione

9 Novembre 2012

0
Dall'Ue 2 miliardi per un'industria dell'auto più competitiva e sostenibile
Il commissario europeo all'Industria Antonio Tajani presenta il piano d'azione di investimenti nella ricerca e l'innovazione

Bruxelles, 9 nov. - (Adnkronos) - Il settore dell'auto è "cruciale per la reindustrializzazione dell'Europa e per vincere la sfida della crisi", cui la Commissione europea risponde con un piano d'azione che prevede due miliardi di euro di investimenti nella ricerca e l'innovazione. Ad annunciarlo è stato il commissario europeo all'Industria Antonio Tajani, che vuole così "impedire la fuga dell'industria dell'auto dall'Unione Europea" e renderla più competitiva e sostenibile.

"Il piano d'azione annunciato è una risposta politica alle questione poste dall'amministratore delegato della Fiat e presidente dell'Acea Sergio Marchionne, ma anche dai lavoratori e dai Paesi membri" sulle difficoltà del settore auto, rivendica Tajani, anticipando che alla fine di novembre incontrerà i sindacati, il 6 dicembre i rappresentanti delle industria ed il 9 i ministri competenti, alla vigilia del Consiglio competitività, per coordinare meglio la risposta alla crisi del settore.

"L'Europa produce le migliori automobili al mondo. La Commissione vuole che mantenga questa posizione di leadership facendo ancora ulteriori progressi in tema di resa ambientale e di sicurezza", ha detto Tajani in una conferenza stampa a Bruxelles presentando il piano "Cars 2020", che vuole snellire le attività di ricerca e innovazione nell'ambito dell'iniziativa europea per i veicoli verdi e mira a rafforzare la cooperazione con la Banca europea per gli investimenti al fine di finanziare l'innovazione e agevolare l'accesso delle piccole e medie imprese al credito.

Il piano d'azione comprende proposte concrete di iniziative politiche per promuovere gli investimenti nelle tecnologie avanzate e nell'innovazione in funzione per i veicoli puliti, ad esempio tramite un ampio pacchetto di misure volte alla riduzione della CO2, degli inquinanti e del rumore, ulteriori misure in tema di sicurezza stradale, la messa a punto di un'infrastruttura per i carburanti alternativi (elettricità, idrogeno e gas naturale), uno standard Ue per l'interfaccia di ricarica dei veicoli elettrici, un'iniziativa europea per i veicoli verdi nell'ambito della strategia Orizzonte 2020 al fine di promuovere gli investimenti nella ricerca e nell'innovazione.

In secondo luogo, si punta a migliorare le condizioni di mercato, ad esempio rafforzando il mercato unico per i veicoli grazie a un migliorato sistema di omologazione, snellendo gli incentivi finanziari per i veicoli puliti, poi a sostenere l'industria nell'accesso al mercato globale mediante la conclusione di accordi commerciali equilibratie 'attenta valutazione degli impatti cumulativi degli accordi commerciali. Ultimo punto, la promozione di investimenti nelle abilità e nella formazione per accompagnare il cambiamento strutturale e affrontare i fabbisogni in tema di manodopera e competenze, ad esempio incoraggiando l'uso a tal fine del Fondo sociale europeo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media