Cerca

Sostenibilita

I Corporate social responsibility manager sono in aumento in Italia

Molteni (Altis): "La crisi economica non ha modificato l'impegno delle aziende verso questi temi"

Una professione innovativa che gestisce le problematiche sociali e ambientali connesse al lavoro delle imprese e intese come parte integranti delle loro strategie e dei loro piani industriali

19 Novembre 2012

0
I Corporate social responsibility manager sono in aumento in Italia
Una professione innovativa che gestisce le problematiche sociali e ambientali connesse al lavoro delle imprese e intese come parte integranti delle loro strategie e dei loro piani industriali

Milano, 19 nov. (Adnkronos) - Corporate social responsibility (Csr) manager: una nuova professionalità destinata a crescere in Italia. L'88% delle imprese italiane riconosce ormai l'alto valore del fenomeno della responsabilità sociale, mentre la recente crisi economica non ha sostanzialmente modificato l'impegno delle aziende verso i temi della sostenibilità. In certi casi, negli ultimi anni, lo ha addirittura aumentato. E' quanto ha affermato oggi Mario Molteni, professore di economia aziendale all'università Cattolica di Milano e direttore di Csr Manager network, intervenendo all'incontro "Csr in different countries: a focus on China" organizzato dall'Altis, Alta scuola impresa e società. Il docente, che di Altis è direttore, ha riportato i risultati di una ricerca condotta da Gfk-Eurisko e Fondazione Sodalitas sull'argomento: il 40% delle imprese quotate in borsa ha ormai un Csr Manager; il 75% di questi nuovi professionisti lavora in grandi aziende e il 59% risponde direttamente al top management.

"Il Csr manager - spiega Molteni - è una professione innovativa che gestisce le problematiche sociali e ambientali connesse al lavoro delle imprese e intese come parte integranti delle loro strategie e dei loro piani industriali". L'identikit dei Csr manager tracciato dalla ricerca Gfk-Sodalitas rivela come il 56,8% di loro sia composto da donne, in età compresa tra i 40 e i 50 anni, con un'elevata formazione in economia ed esperienza di lunga data nella stessa azienda. La loro retribuzione media annuale si assesta sui circa 79mila euro ed è ormai paragonabile a quella di qualsiasi altro dirigente.

"L'attività principale del Csr manager - aggiunge il docente - consiste nella rendicontazione, ma può anche essere il consulente di chi gestisce gli acquisti e le risorse umane". Secondo la ricerca, dalle politiche di sostenibilità deriva per le imprese un decisivo miglioramento nella loro reputazione, nel rapporto con il territorio, nella relazione con gli stakeholder e nel clima interno all'azienda. In alcuni casi, tuttavia, la responsabilità sociale incontra ancora alcuni ostacoli: "Tra i maggiori problemi incontrati - conclude - c'è l'insufficienza della struttura dedicata e del supporto dei top manager, la scarsa fiducia nell'ottenere vantaggi economici, il limitato interesse da parte dei clienti e, da ultimo, l'eccesso di burocrazia".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media