Cerca

Sostenibilita

Contraffazione, arriva il piano nazionale per la tutela del made in Italy

Sei le macro-aree di intervento individuate da 13 commissioni tematiche operanti nell'ambito della Cnac

20 Novembre 2012

0
Contraffazione, arriva il piano nazionale per la tutela del made in Italy
Sei le macro-aree di intervento individuate da 13 commissioni tematiche operanti nell'ambito della Cnac

Milano, 20 ott. - (Adnkronos) - Un piano che per la prima volta riunisce tutti gli attori istituzionali e non nella battaglia per la tutela del made in Italy. E' il Piano Nazionale per la Lotta ai falsi, presentato a Milano in occasione degli Stati Generali per Lotta alla Contraffazione.

Il documento rappresenta il punto di arrivo di una intensa attività di analisi, condotta tra gli altri da 11 ministeri e 150 associazioni di categoria, che ha portato all'individuazione delle priorità e delle aree degli interventi, ma anche "l'inizio di una grande battaglia del Sistema Italia", come spiega il presidente del Consiglio Nazionale Anticontraffazione, Daniela Mainini.

"Dietro il Piano c'è un grande lavoro di coordinamento - spiega il vicepresidente di Confindustria e presidente di Expo 2015 Diana Bracco - che ha messo insieme tutti gli attori che convergono su questo importante tema. La contraffazione è una penalizzazione della capacità ideativa del nostro sistema ed è quindi una sottrazione di competitività al Paese".

Sei le macro-aree di intervento individuate da 13 commissioni tematiche operanti nell'ambito della Cnac: comunicazione e informazione; enforcement; rafforzamento del presidio territoriale; formazione alle imprese; lotta alla contraffazione via internet e tutela del Made in Italy da fenomeni di usurpazione all'estero.

E proprio sulla tutela della proprietà industriale è stata posta particolare attenzione, dato che in Italia - si è detto - c'è molta creatività ma non la sua tutela. "Occorre cambiare la cultura della imprese - afferma Loredana Gulino, Direttore Generale DG lotta alla contraffazione - Uibm del Mise -. Insegnare loro ad utilizzare in maniera strategica gli strumenti di tutela della proprietà industriale".

Secondo una ricerca realizzata dal Censis per il ministero dello Sviluppo economico, il mercato della contraffazione genera un giro d'affari stimato in circa 6,9 miliardi di euro e un mancato gettito fiscale di 1,7 miliardi. "Solo nel comparto moda/tessile - riferisce il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana Mario Boselli - incide per circa un terzo del fatturato; ma vi sono altre gravi conseguenze, come ad esempio l'usurpazione dei marchi". Per questo occorrerebbe allargare il raggio d'azione "dalla lotta alla contraffazione alla affermazione della legalità anche in termini di brevettabilità".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media