Cerca

Sostenibilita

L'Agenda Digitale per la modernizzazione al centro del 'Forum Territoriale Sicilia'

A Catania il 23 novembre

Obiettivo dell'evento sarà quello di individuare e condividere piani, azioni e risultati delle politiche di innovazione e far emergere al tempo stesso le esperienze del territorio

20 Novembre 2012

0
L'Agenda Digitale per la modernizzazione al centro del 'Forum Territoriale Sicilia'
Obiettivo dell'evento sarà quello di individuare e condividere piani, azioni e risultati delle politiche di innovazione e far emergere al tempo stesso le esperienze del territorio

Catania, 20 nov. - (Adnkronos) - La modernizzazione del Paese passa anche attraverso la creazione delle cosiddette 'Smart Cities', quelle in cui la rete e la tecnologia aiutano i cittadini a vivere meglio e favoriscono l'inclusione. In questo, l'agenda digitale del Paese svolge un ruolo di primo piano: se ne parlerà a Catania il 23 novembre, in occasione del secondo dei Forum territoriali organizzati in tre delle regioni a Obiettivo Convergenza.

L'evento, dal titolo "Forum Territoriale Sicilia - L'Agenda Digitale per la modernizzazione del Paese" sarà ospitato all'interno di Expobit 2012, il salone internazionale dell'innovazione tecnologica, giunto alla 17esima edizione, ed è promosso dal ministero dell'Istruzione, dell'Università, della Ricerca e dall'Agenzia per l'Italia Digitale con la collaborazione di Formez Pa, Forum Pa e Regione Siciliana. Al centro della discussione c'è l'Agenda Digitale italiana e la sua "regionalizzazione". Obiettivo dell'evento sarà quello di individuare e condividere piani, azioni e risultati delle politiche di innovazione e far emergere al tempo stesso le esperienze del territorio.

I rappresentanti del Governo si confronteranno con le amministrazioni del territorio e gli attori chiave, pubblici e privati, che presidiano i processi di modernizzazione e innovazione. Obiettivo dell'incontro sarà, infatti, quello di facilitare l'incontro tra domanda ed offerta di innovazione, in cui i territori siano parte attiva nel proporre soluzioni utili a far nascere quei progetti "pilota" auspicati recentemente dal ministro Profumo, per una nuova stagione di sviluppo dell'e-Government e del Paese.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media