Cerca

Sostenibilita

Restrittiva la normativa italiana di attuazione della direttiva sulle alluvioni

Esclude le alluvioni provocate da eventi non meteorologici (ad esempio, tsunami) e da cedimenti infrastrutturali quali la rottura di una diga

La Commissione europea ha emesso un parere motivato (la seconda fase nell'ambito dei procedimenti per infrazione dell'Ue) nei confronti dell'Italia, che ha ora due mesi per rispondere

21 Novembre 2012

0
Restrittiva la normativa italiana di attuazione della direttiva sulle alluvioni
La Commissione europea ha emesso un parere motivato (la seconda fase nell'ambito dei procedimenti per infrazione dell'Ue) nei confronti dell'Italia, che ha ora due mesi per rispondere

Bruxelles, 21 nov. - (Adnkronos) - I Paesi membri dell'Ue, a norma della legislazione europea, devono svolgere valutazioni del rischio di alluvioni per i propri bacini idrografici e redigere piani di gestione del rischio. La Commissione ritiene che la normativa italiana di attuazione della direttiva sulle alluvioni sia eccessivamente restrittiva, in quanto esclude le alluvioni provocate da eventi non meteorologici (ad esempio, tsunami) e da cedimenti infrastrutturali quali la rottura di una diga.

Le autorità italiane hanno accettato di apportare le opportune modifiche ma, nonostante una lettera di messa in mora della Commissione al riguardo nel marzo 2012, il problema permane. Per questo, la Commissione ha emesso un parere motivato (la seconda fase nell'ambito dei procedimenti per infrazione dell'Ue) nei confronti dell'Italia, che ha ora due mesi per rispondere. In mancanza di una risposta soddisfacente, la Commissione può decidere di adire la Corte di giustizia dell'Ue.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Consultazioni al Quirinale, Matteo Salvini attraversa i corridoi per arrivare da Sergio Mattarella

Silvio Berlusconi: "Non vi dico come Merkel e Macron commentavano Lega e M5s"
Giorgia Meloni al Colle: "Mattarella oggi può scegliere tra due possibilità"
Nicola Zingaretti: "Per un nuovo governo il Pd ha principi inderogabili"

media