Cerca

Sostenibilita

Un anno di campagne dall'Artico al Canale di Sicilia

Dodici mesi ricchi di impegni per Greenpeace

28 Dicembre 2012

0
Un anno di campagne dall'Artico al Canale di Sicilia
Dodici mesi ricchi di impegni per Greenpeace

Roma, 28 dic. - (Adnkronos) - Dall’Artico al Canale di Sicilia, dalla difesa dell'ambiente alla lotta ai cambiamenti climatici. Il 2012 è stato un anno ricco di impegni per Greenpeace: la campagna “Save the Arctic” ha raccolto oltre 2 milioni di firme per impedire lo sfruttamento delle risorse petrolifere mentre il Canale di Sicilia è stato al centro delle iniziative di Greenpeace che ha condotto un tour estivo per fermare le trivelle e tutelare il mare creando delle aree protette. Ben 49 comuni, numerose associazioni locali e di categoria, e oltre 55.000 cittadini hanno aderito così alla campagna “U mari nun si spirtusa”.

Per combattere il cambiamento climatico Greenpeace ha evidenziato l’impatto delle centrali a carbone anche in Italia, mentre la nave ammiraglia Rainbow Warrior ha condotto un tour nell’Oceano Indiano a caccia di pescherecci che praticano pesca illegale o distruttiva. L’Amazzonia e l’Indonesia sono stati un altro fronte su cui si è mossa l’associazione quest’anno per combattere la deforestazione, senza trascurare il mondo dell’editoria italiano, per spingerlo ad acquistare solo “carta amica delle foreste”. E il risultato è stato che nel 2012 tutti i primi 8 gruppi italiani hanno accettato i criteri ambientali richiesti dall'associazione.

E se i fiumi messicani e cinesi sono inquinati dalle industrie del settore tessile, la pressione dei consumatori che hanno aderito alla campagna “Detox” di Greenpeace, ha portato grandi aziende come Zara a intraprendere un percorso per l’eliminazione entro il 2020 delle sostanze tossiche dai propri capi d’abbigliamento. E a proposito dei Maya, che hanno tenuto banco nell'ultima parte del mese di dicembre, nelle immagini diffuse da Greenpeace lanciano il loro messaggio dallo Yucatan proprio le comunità maya e non riguarda la fine del mondo, ma il rischio di contaminazione del miele, loro principale fonte economica, se venisse autorizzata in quel territorio la coltivazione di soia Ogm.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Consultazioni al Quirinale, Matteo Salvini attraversa i corridoi per arrivare da Sergio Mattarella

Silvio Berlusconi: "Non vi dico come Merkel e Macron commentavano Lega e M5s"
Giorgia Meloni al Colle: "Mattarella oggi può scegliere tra due possibilità"
Nicola Zingaretti: "Per un nuovo governo il Pd ha principi inderogabili"

media