Cerca

Sostenibilita

Al via il primo master europeo in biodiversità ed ecosistemi tropicali

Avrà inizio nell'anno accademico 2013/2014

2 Gennaio 2013

0
Al via il primo master europeo in biodiversità ed ecosistemi tropicali
Avrà inizio nell'anno accademico 2013/2014

Firenze, 2 gen. - (Adnkronos) - Studiare gli ecosistemi tropicali per comprendere, proteggere e gestire la biodiversità, minacciata su larga scala dal riscaldamento globale e dalle attività antropiche. E' l'obiettivo di Tropimundo, master di primo livello in Biodiversità ed Ecosistemi Tropicali, finanziato dal programma Erasmus Mundus della Commissione Europea, che prenderà il via nell'anno accademico 2013/2014 dell'Università di Firenze.

Il coordinatore del master sarà Stefano Cannicci, ricercatore presso il Dipartimento di Biologia Evoluzionistica. "Variazioni climatiche e attività antropiche sono le principali responsabili dei cambiamenti che interessano il nostro pianeta. Aree molto vaste dell'Africa e dell'America Latina stanno conoscendo un forte impoverimento e la stabilità degli ambienti tropicali in queste realtà è fortemente a rischio. Per contrastare la distruzione degli habitat, il degrado e l'impoverimento del suolo di interi paesi è indispensabile conoscere diversi ecosistemi su larga scala e gli strumenti che consentono la gestione della biodiversità", spiega Canicci in un'intervista al notiziario dell'Università di Firenze.

Tropimundo, Master of Science (MSc) in Biodiversità ed Ecosistemi Tropicali, è stato selezionato insieme a 29 altri progetti, tra 177 proposte, dalla Commissione Europea per il programma Erasmus Mundus.

Il corso, che avrà durata biennale e avrà inizio nell'anno accademico 2013/2014, vede la collaborazione dell'Università di Firenze con istituzioni universitarie e scientifiche europee ed extraeuropee che hanno una ricca tradizione nella ricerca e insegnamento sugli ecosistemi tropicali: l'Université Libre de Bruxelles, coordinatrice del corso, la Vrije Universiteit Brussel (Vub), l'Université Pierre et Marie Curie e il Muse'um National d'Histoire Naturelle di Parigi, insieme a l'Universidad Cienti'fica del Perù di Iquito, l'Université de Dschang in Camerun e l'University of Queensland in Australia con sede a Brisbane. Le lezioni saranno tenute in inglese e francese.

Il percorso prevede che lo studente frequenti i corsi nel primo e terzo semestre in due delle università europee, necessariamente diverse nel primo e nel terzo semestre, conduca l'esperienza sul campo nel secondo semestre in un ateneo tra quelli extraeuropei e si concentri nella stesura della tesi nell'ultima parte del corso.

I partecipanti al master avranno modo di concentrarsi sulla biologia vegetale ed animale e sugli approcci integrati a diversi ecosistemi quali foreste tropicali e pluviali, mangrovie, praterie a fanerogame marine e barriere coralline. Alcuni corsi riguarderanno le interazioni tra flora, fauna, uomo e ambiente.

Altri tratteranno l'ecologia della conservazione e del recupero degli habitat e della biodiversità, la gestione della biodiversità attraverso banche dati e sistemi informativi geografici, la biogeografia e genetica popolazionale, la conservazione di collezioni storiche, le dinamiche e l'evoluzione degli ecosistemi tropicali e subtropicali.

Il corso fornirà inoltre competenze sulla gestione sostenibile e la governance della biodiversità, sull'etnobotanica tropicale, lo sfruttamento e la conservazione delle risorse naturali e la tutela della conoscenza ecologica tradizionale. Il contributo didattico dell'Ateneo di Firenze riguarda le facoltà di Scienze e di Agraria. Il progetto è coordinato da me, insieme a Stefano Carnicelli, ordinario di Pedologia nel Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali, del Suolo e dell'Ambiente Agroforestale.

Al termine del programma, gli studenti riceveranno titoli rilasciati congiuntamente dagli atenei presso i quali avranno frequentato il corso, un Diploma Supplement Europass congiunto, un Europass Mobilità e un Passaporto Linguistico Europeo.

Il costo del master è di 4.000 euro annui per gli studenti comunitari, ma è possibile concorrere per borse di studio che consentono l'iscrizione gratuita, oltre a una somma di 3.000 euro per le spese di viaggio più 500 euro mensili come contributo per il vitto e l'alloggio. Il termine per iscriversi al master è fissato al 15 gennaio 2013. Maggiori informazioni sul corso sul sito www.tropimundo.eu.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media