Cerca

Sostenibilita

Terzo anniversario dal terremoto di Haiti, i risultati del progetto Acri

"Crescere insieme, nutrirsi bene"

Messi in campo 800mila euro per la lotta alla malnutrizione

11 Gennaio 2013

0
Terzo anniversario dal terremoto di Haiti, i risultati del progetto Acri
Messi in campo 800mila euro per la lotta alla malnutrizione

Roma, 11 gen. - (Adnkronos) - Con una cifra di circa 800mila euro, le fondazioni di origine bancaria con il patrocinio dell'Acri, negli ultimi due anni hanno sostenuto la realizzazione di un progetto di solidarietà per la popolazione di Haiti colpita, il 12 gennaio 2010, da un terribile terremoto che ha causato 230mila vittime, 300mila feriti, 1 milione di persone senza casa. Obiettivo del progetto "Crescere insieme, nutrirsi bene", la lotta alla malnutrizione in Haiti, producendo benefici sia sul fronte della cura dei bambini malnutriti, sia su quello della prevenzione, che include un programma di educazione alimentare.

L'area degli interventi copre sia la capitale Port-au-Prince sia la zona rurale di Les Cayes, nel Département du Sud. Il progetto ha toccato in totale 60.000 cittadini haitiani. Partner del progetto sono la fondazione Avsi, la fondazione Francesca Rava Nph Italia Onlus e Oxfam Italia. La malnutrizione è un fenomeno complesso, riconducibile a un insieme di problemi relativi alla mancanza di accesso al cibo, all'inadeguata produzione agricola e all'assenza di trasformazione, nonché a servizi nutrizionali e di salute inadeguati.

In modo particolare si è intervenuti nella identificazione e cura dei bambini malnutriti attraverso centri nutrizionali e sanitari, nell'educazione alimentare, nella fornitura di alimenti nelle scuole e nel rafforzamento della produzione e trasformazione agricola, soprattutto rendendo parte attiva la popolazione locale. Sono stati rafforzati 12 centri nutrizionali e sanitari al fine di offrire un servizio di monitoraggio dello stato nutrizionale principalmente ai bambini da 0 a 5 anni e alle donne in gravidanza, riconoscere gli stati iniziali di malnutrizione, attivare interventi terapeutici ed educativi.

Costruiti e avviati 3 centri nutrizionali a Port-au-Prince; equipaggiati e ristrutturati 9 centri di salute a Les Cayes; formate 150 persone tra personale medico e para-medico; sono stati sottoposti a screening 15.000 tra bambini e donne; è stato promosso l'allattamento al seno esclusivo fino ai 6 mesi, il corretto svezzamento dei bambini e il consumo di prodotti locali ad elevato contenuto nutrizionale. Attività realizzate in collaborazione con il ministero della Salute Haitiano.

Il miglioramento della filiera agricola per favorire la sicurezza alimentare della popolazione ha consentito di migliorare e diversificare la produzione agricola e la commercializzazione, attraverso la costruzione di un magazzino di circa 400 metri cubi dotato di un impianto per la trasformazione della frutta e del caffè, la costruzione di 14 vivai per la produzione e la distribuzione di piante da frutta e per la riforestazione (sono state già prodotte e distribuite più di 30mila piantine), la dotazione di un totale di 18 centri per la trasformazione umida del caffè, la distribuzione di 6mila trappole per la cattura di un pericoloso parassita del caffè.

Inoltre, sono stati formati 300 produttori e leaders delle cooperative. Queste attività sono state realizzate in coordinamento con la Rete Recocas che riunisce le 12 cooperative agricole della zona di Les Cayes. Sono stati formati sul "ciclo del pane" e del corretto uso delle risorse alimentari disponibili 1 formatore e 7 insegnanti, che a loro volta stanno trasferendo il loro know-how ad altri educatori; corsi sono stati tenuti a 7.000 bambini delle scuole di strada e dell'orfanotrofio Nph di Kenscoff con visite educative alla panetteria di Francisville città dei mestieri. Presso la Casa orfanotrofio di Kenscoff la creazione di orti ha permesso la produzione autonoma di verdure con risparmio sugli acquisti e integrazione della dieta dei 600 bambini accolti e i bambini della comunità circostante che ne frequentano la mensa e la scuola.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media