Cerca

L'ex ministro

Franco Bechis, il ritratto di Maurizio Lupi: ambizioso e ingenuo, dagli esordi Dc a Forza Italia (e fino alle amicizie a sinistra)

20 Marzo 2015

10
Franco Bechis, il ritratto di Maurizio Lupi: ambizioso e ingenuo, dagli esordi Dc a Forza Italia (e fino alle amicizie a sinistra)

La prima volta che vidi Maurizio Lupi avevamo poco più di venti anni. Eravamo universitari entrambi, e lui era già importante: faceva l’amministratore della Cusl, una cooperativa universitaria che era nata da un gruppo di studenti del movimento ecclesiale Comunione e Liberazione. La seconda volta che lo incontrai lo mandai a quel paese: ero alle prime armi da redattore praticante al settimanale Il Sabato, e lui aveva già fatto carriera, diventando assistente dell’amministratore delegato del settimanale. Chiedevo 100mila lire in più (50 euro di oggi), mi disse «manco per sogno», e andai in un altro giornale.

SIMPATICO BAUSCIA - Racconto questo, perchè mi è stato chiesto un profilo di Lupi, e devo avvertire il lettore che non può essere neutrale. Ci conosciamo da troppo tempo, e il sentimento ha il suo peso. Muovevo i miei passettini da scribacchino, e lui faceva carriera perché era ambizioso e bravo. Veniva da una famiglia modesta, viveva a Baggio, periferia milanese. È sempre stato un po’ bauscia, come tanti suoi amici: un simpatico sbruffone. È nel dna di molti milanesi esser così, ma anche se se la tirano un po’, lavorano come bestie. Lupi è sempre stato di quella pasta. Anche quando si è buttato in politica. Prima consigliere comunale nella Milano leghista di Marco Formentini, poi assessore ai lavori pubblici (che si chiamavano Sviluppo del territorio, edilizia privata e arredo urbano) nella giunta di Gabriele Albertini. Dal 2001 è diventato deputato. Ha seguito i passi dei primi di Comunione e Liberazione che erano entrati in politica (Roberto Formigoni, Nicola Sanese e tanti altri), candidandosi prima nella Dc, poi in Forza Italia.

LIBRO STAMPATO - È cresciuto lì e ha fatto carriera rapidamente, perché le qualità c’erano e l’ambizione le accompagnava. Ha imparato a fare politica come accadeva nell’epoca di Silvio Berlusconi studiando attentamente le regole della comunicazione, e se un limite poi ha avuto è averle prese un po’ alla lettera. Quando va in tv parla un po’ come un libro stampato, ligio alle tecniche imparate nei primi tempi: non è lui, se lo incontri per strada è molto diverso, semplice, alla mano. Il suo grande pregio è l’attenzione che mette anche nei confronti di persone che conosce per la prima volta. Anche quando ha mille impegni si interessa a persone che ha conosciuto magari per caso. Ha un grande senso dell’amicizia: quando sa di servire, c’è, e si mette a disposizione anche solo per un conforto, una pacca sulla spalla. È la sua forza, ma anche il suo fianco scoperto, una ingenuità nella vita politica.

W LA SUSSIDIARIETÀ - Grazie alla educazione cattolica ricevuta in Comunione e Liberazione, e a quel suo senso dell’amicizia, Lupi è riuscito a superare steccati che di solito irrigidiscono la vita politica. Ha animato l’intergruppo della sussidiarietà riuscendo a mettere insieme leader politici abituati a steccati ideologici e ad epiche battaglie, cercando di costruire qualcosa insieme per gli altri. È così che ha conosciuto Enrico Letta, che ovviamente è diventato subito «suo amico». E ne ha coinvolti tanti altri, che venivano dai Ds, dalla Margherita, dalla Lega, dall’Udc, dal Pd, da Rifondazione. Li portava spesso al Meeting di Rimini a discutere, e ovviamente ognuno di loro era un «amico». Così è diventato «amico» quasi del cuore Angelino Alfano, di cui tesse lodi imbarazzanti. Da cattolico ha cercato di riunire altri politici cattolici di tutti i partiti, e da anni si trova con loro il martedì sera a confrontare la propria vita di palazzo con testi ecclesiali. Il mattino presto quando può con loro va a messa nella cappella dei parlamentari di palazzo Valdina. Appuntamenti che negli anni sono saltati per un solo motivo: una partita del Milan, la sua squadra del cuore.

QUELLI DEL MARTEDÌ - Molti dei personaggi citati nell’inchiesta, anche qualcuno degli arrestati, erano davvero amici suoi fin dai tempi dell’università, e non mancavano mai agli appuntamenti del martedì e alla messa di primo mattino. In effetti erano amici, e qualcuno di loro magari dell’amicizia ha approfittato utilizzandola per il proprio mestiere. Se la vedi da quell’ottica, anche alcune imprudenze si capiscono meglio: puoi rifiutare un dono da un amico? Puoi dubitare della buona fede di persone che conosci da una vita? Ecco, nel partito dove Lupi ha mosso i primi passi, la Dc, si chiamavano tutti «amici», e se lo dicevano con il coltello nascosto dietro la schiena, e un minuto dopo calavano i fendenti. Non si è mai amici in quel mondo, e mi spiace dirlo, ma questa è stata sicuramente una grande ingenuità di Maurizio. Purtroppo fatale.

di Franco Bechis
@@FrancoBechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    24 Marzo 2015 - 19:07

    Lasciamo perdere i maneggi contro gli aiuti agli alluvionati e per eliminare il finanziamento delle caserme del carabinieri; ma ci rendiamo conto fino a che punto sono voraci e impudenti questi politicanti, specie se baciapile? Perfino ad una giacca, un orologio, un volo nazionale trovano "normale" arraffare. E molti loro reggipalle o burattinai li difendono senza pudore.

    Report

    Rispondi

  • leolandiabg

    20 Marzo 2015 - 17:05

    traditore a casaaaaa così impari falsoooo

    Report

    Rispondi

  • casa_mamma

    20 Marzo 2015 - 16:04

    Sara pure che sia ingenuo, ma e anche un grande opportunista che ha sfruttato la sua ppsizionr per piazzare figlia figlio moglie e due fratelli ora manca il terzo figlio che ancorz piccolo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Luigi Di Maio arriva al Consiglio affari esteri dell'Ue. L'incontro con Federica Mogherini

Silvio Berlusconi, gli chiedono di Greta Thunberg e lui ribatte con una barzelletta su viagra e svedesi...
Silvio Berlusconi lancia Mario Draghi premier: "Intelligente e preparato. Se fosse disponibile..."
Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"

media