Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini sullo scandalo dell'agenzia-setta: "Venuto fuori di tutto", cosa si lascia sfuggire

Francesco Fredella
  • a
  • a
  • a

Le confessioni (in codice) di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra al Grande Fratello Vip aprono un capitolo terrificante. Un vero giallo con al centro parla una presunta setta. Il caso ha già un nome: #AresGate, che sarebbe collegato ad un’organizzazione con a capo tale “Lucifero”. Sarebbe lui, da rumors, il presunto responsabile che avrebbe turbato Adua a tal punto da vuotare il sacco. Si tratta di uomo probabilmente conosciuto dietro le quinte di film e fiction. Adua, però, si lascia sfuggire un commento choc quando parla di Teodosio Losito, morto suicida, compagno di set di tale Alberto Tarallo (fondatore della Ares, una delle case di produzione per vent’anni sulla cresta dell’onda). E’ davvero lui quel “Lucifero” nel racconto di Adua?

Insomma, ci sarebbe molto di più: un mondo sommerso che potrebbe venendo a galla da un momento all’altro. Usciranno nomi e cognomi, forse anche denunce. E dal gossip alla cronaca giudiziaria il passo è breve. “Quello che abbiamo vissuto tutti è una cosa molto seria”, tuona Adua. “Io ho paura, a lottare da sola non ce la faccio. Ho paura di non avere l’appoggio delle persone”, continua. Ma Massimiliano Morra sembra più fiducioso e avverte: “Non ho nulla da temere. Dirò quello che voglio, cioè la verità”. Anche Alfonso Signorini è senza parole. Il suo ultimo video, sicuramente, lascia tutti senza fiato: “Sta venendo fuori di tutto, sarà un caso clamoroso". Una storia inquietante, più grande di quanto si possa immaginare. Tre grandi attrici, Grimaldi, Brilli e De Sio, dicono un secco: “No comment”. E il caso monta ancor di più.

 

 

Dai blog