Cerca

La video-inchiesta

Matteo Renzi non paga le imprese: era meglio Letta

22 Giugno 2014

5

L'Unione Europa ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per i ritardi nei pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese. Matteo Renzi e il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, si sono risentiti sostenendo che la procedura era ingiustificata e frutto di un puro attacco politico al governo italiano da parte del commissario uscente, Antonio Tajani, che è di Forza Italia. In effetti Renzi ha più volte promesso un'accelerata a quei pagamenti, sostenendo che avrebbe pagato 68 miliardi alle imprese. E' avvenuto davvero? No. Siamo andati a verificare sui siti Internet dei ministeri, come avrebbe dovuto fare l'Unione europea. E la situazione è grottesca. Nel primo mese di pagamenti Enrico Letta un anno fa liquidò 5 miliardi. Renzi appena 0,7 miliardi, quasi dieci volte meno. E la situazione in gran parte dei ministeri è ferma addirittura a uno o due anni fa. Ogni tre mesi per legge dovrebbero pubblicare gli indici di pagamento alle imprese spiegando i giorni medi di evasione delle fatture. Ma nessuno lo fa. Quando si cerca quel dato, puoi stare certo che il sito “è in costruzione”, o come nel caso del ministero della Giustizia il link è fasullo, solo disegnato. Chi mette qualche fattura sparsa, fa ancora peggio: a distanza di cinque anni vengono pagati alle imprese solo acconti del 40-50-60, massimo 80% del dovuto. Gli slogan sono una cosa, la realtà è ben diversa. Ecco ministero per ministero cosa abbiamo scoperto.

di Franco Bechis
@FrancoBechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    23 Giugno 2014 - 09:45

    Altra promessa tradita.......Ma qualcuno sta tenendo il conto?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    22 Giugno 2014 - 16:29

    L'Unione Europa ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per i ritardi nei pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese. Matteo Renzi e il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, si sono risentiti . NO!!!!! Che incominciassero a pensare che i soldi DEVONO TIRARLI FUORI DALLE PROPRIE TASCHE e non da quelle degli Italiani.

    Report

    Rispondi

    • kobra12

      22 Giugno 2014 - 18:49

      bravo gregio52, dalle loro tasche come fece Berlusconi che mise tutto a posto nel periodo di sua regnanza. Ed ha fatto bene Tajani ad aprire la procedura contro gli italiani dopo il 41% di consensi raccolti da Renzi. Così si fa l'opposizione!!!!

      Report

      Rispondi

  • kobra12

    22 Giugno 2014 - 16:22

    Bechis ha ragione, ma non ha detto tutta la verità. Durante i governi Berlusconi le forniture lo Stato le pagava il giorno stesso la consegna di beni e prestazioni, e spesso anche il giorno prima.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Riforma della Giustizia, arriva il brano contro la prescrizione

Giuseppe Conte: "Matteo Renzi un pessimista cosmico, il governo va avanti"
Matteo Salvini da Bechis: "Conte in gita a Londra mentre l'Ilva affonda"
Plastic e sugar tax, Vittorio Cino (presidente Assobibe): "Per noi sono una rovina, il governo ci ripensi"

media