Cerca

Teatrino a 5 Stelle

Paolo Becchi su Di Battista e Paragone: "Faranno qualche spettacolino mentre il M5s scenderà al 10%"

13 Gennaio 2020

1

Paolo Becchi non crede che il Movimento 5 Stelle svolterà grazie all'azione politica di Alessandro Di Battista e di Gianluigi Paragone. "Viaggiano nel nulla - dichiara il docente di Filosofia in un'intervista a LaPresse - vogliono fare soltanto qualche spettacolino". Per Becchi è quindi escluso che Di Battista possa raccogliere il testimone da Luigi Di Maio: "Non esiste, è stato la costruzione artificiale di Gianroberto Casaleggio. Non è né di destra né di sinistra".

Per approfondire leggi anche: Paragone-M5s, chi sale e chi scende

L'espulso Paragone avrebbe invece potuto impegnarsi per la creazione di un M5s 2.0, magari con la collaborazione di Di Battista per promuovere un ritorno alle origini, ma invece per Becchi i due faranno "qualcosa di culturale, qualche spettacolino. Non si vogliono opporre a Beppe Grillo". Dopo le elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria, ci sarà il congresso del Pd e persino quello delle Sardine, ma il Movimento non sarà da meno. La previsione di Becchi è molto pessimista: "Ci saranno gli stati generali che porteranno probabilmente alla formazione di un partitino di sinistra in appoggio al Pd. Il M5s è alla frutta, forse avrà il 10%".

Nel video Paragone mostra la lettere d'espulsione. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    14 Gennaio 2020 - 09:36

    Paragone e Dibba non faranno niente di meglio di Di Maio.

    Report

    Rispondi

Giuseppe Conte contro i cronisti: "Non chiamatelo 'questo Renzi', è pur sempre un leader della maggioranza"

Matteo Salvini contro le sardine: "Flop a Napoli? Che peccato, ma se fai le vacanze con Oliviero Toscani..."
Giorgia Meloni vede il grande bluff di Matteo Renzi: "Gli interessano le nomine, non i problemi dei cittadini"
Siria, cadono le bombe: papà inventa un gioco per non far spaventare la figlia

media