Cerca

Alpha

Costa Concordia, a sette anni dal disastro arriva in tv il dossier con tutta la verità / Video

2 Novembre 2018

1

A quasi sette anni dal tragico naufragio della Costa Concordia, arriva su Alpha (Canale 59 DTT) Ingegneria dei disastri – Costa Concordia, un appuntamento speciale con la serie del canale che indagherà con approccio tecnico e scientifico cos’è davvero successo quella sera, quando una delle più grandi navi da crociera di lusso del mondo è naufragata di fronte all’Isola del Giglio, davanti agli occhi di miliardi di telespettatori collegati da tutto il mondo.

 Nella puntata in onda lunedì 5 novembre alle ore 21.05, oltre a capire cosa si celi dietro il più grande disastro marittimo degli ultimi anni ci saranno anche testimonianze dirette delle persone sopravvissute: “Ho pensato in quel momento di avere il 50 % delle possibilità di morire” dichiara una ragazza alle telecamere di Ingegneria dei Disastri.

Gli esperti del programma racconteranno e cercheranno di capire come mai la nave da crociera si sia avvicinata così tanto alla costa, quanto l’errore umano abbia influito e soprattutto come sia stato possibile per una nave di quel segmento inabissarsi nel mare cosi velocemente. I tecnici descriveranno attraverso ricostruzioni 3D anche la grandiosa operazione ingegneristica di “parblucking” ossia di raddrizzamento della nave che ha portato al rigalleggiamento della nave fino al trasferimento del relitto presso il porto di Genova. Tale operazione ingegneristica viene definita come il più grande progetto di recupero di un relitto della storia il cui costo ammonta a più di 1,2 miliardi di dollari.

 Ingegneria dei disastri è la serie televisiva che, con approccio scientifico e tecnico, indaga sui più grandi disastri dell’ingegneria moderna e sulle cause che li hanno provocati.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • albertoperutelli

    02 Novembre 2018 - 21:09

    Ma il comandante della Concordia che fine ha fatto?

    Report

    Rispondi

media