Cerca

dati

Federcongressi&Eventi, industria congressi in strategie attrattività per la Puglia

Federcongressi&Eventi, industria congressi in strategie attrattività per la Puglia

Bari, 29 gen. (Labitalia) - "Bari si candida fra le prime al Sud a diventare una città per gli smart meeting. Già nel 2016 è pronta a mettere i primi passi verso l’organizzazione di eventi e congressi che siano attenti alle buone pratiche di sostenibilità". A dirlo il delegato Puglia di Federcongressi&Eventi, Maddalena Milone, in occasione di un incontro formativo e informativo per la filiera congressuale barese su 'L’industria dei congressi nelle strategie di attrattività'.

"L’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi (Oice) -spiega- conferma che la maggior parte dei congressi si tengono al Nord; questo significa una grande opportunità per Bari e per la Puglia di intercettare una domanda in crescita; la regola infatti è che la maggior parte dei congressi non si svolgono due volte nella stessa destinazione".

"Vogliamo crescere, dunque, ma -ammette- vogliamo crescere fra le prime città italiane del Sud in connubio con l’impegno per la sostenibilità: nei due congressi internazionali che si terranno a Bari quest’anno faremo un primo passo in questo percorso green partendo proprio dal cibo per diminuire lo spreco degli alimenti: porteremo avanti il progetto 'Food for good, from meeting to solidarity', che consente di recuperare il cibo che rimane in occasione degli eventi e donarlo a enti caritatevoli”.

“La sostenibilità -fa notare Maria Cristina Terenzio, consulente strategico di Marketing digitale e sostenibilità per la Meeting industry- abbraccia un campo molto più vasto, anche sociale ed economico e ha a che vedere con la responsabilità sociale, a partire dal singolo individuo fino alle organizzazioni e alle imprese, in particolare le imprese del meeting che per ogni evento, sia piccolo che grande, spostano le persone e con esse le idee, con un forte impatto sul territorio”.

D’altronde, secondo Paolo Novi, di Holidayinn, intervenuto all’incontro per mettere in evidenza le motivazioni e le modalità del sistema dei Convention Bureau, "ormai il connubio sostenibilità-meeting industry non è più un optional, ma un elemento necessario di fronte a una domanda internazionale, soprattutto del Nord Europa e delle multinazionali, sempre più qualificata che lo richiede a tutto campo".

“L’abbinamento con azioni di sostenibilità -osserva- è diventato sicuramente un fattore di successo per intercettare una domanda qualificata e capace di grandi numeri sia in termini di persone che di fatturato. Penso che Bari e la Puglia in generale abbia la sensibilità giusta, vista la vicinanza alla terra che favorisce di per sé una vocazione alla tutela del territorio e delle risorse contro gli sprechi”.

“Nel progetto Apulia2meet x Bari -ricorda Annalisa Fauzzi, social innovator e destination maker- sono stati messi a punto una serie di strumenti di promo-commercializzazione per far conoscere meglio Bari come destinazione di eventi per i meeting e i convegni e aumentare la sua attrattività. Fra le varie azioni strategiche studiate e proposte vi è proprio quella che riguarda la promozione di eventi smart, per i quali la sostenibilità può essere declinata a 360 gradi, dall’ambiente al riciclo del cibo evitando gli sprechi, e all’utilizzo di supporti di comunicazione riciclati, con un impatto di innovazione notevole”.

Per Federcongressi&eventi, attiva sul versante del recupero del cibo non consumato durante gli eventi grazie al progetto Food for Good, sottoscritto a fine marzo con Banco Alimentare e con Equoevento, è intervenuto il presidente Mario Buscema.

“L’operazione -afferma- è partita da poco, stiamo riscuotendo interesse in molti mondi confinanti (quali quello delle associazioni medico-scientifiche e dei grandi eventi mediatici); dai dati raccolti durante una serie di test abbiamo stimato che se tutti recuperassero il cibo oggi sprecato negli eventi si arriverebbe a recuperare e ridistribuire circa 8 milioni di piatti all’anno, tra primi, secondi, contorni e panini".

"L’Italia è forse -sottolinea- il primo paese al mondo per capacità di recupero del cibo non consumato. Segnalo che questa capacità sta guadagnandosi l’attenzione anche del mercato mondiale degli eventi, e ciò è importante in un’ottica business, perché potenzialmente genera ricchezza: il fatto di poter evidenziare ai nostri interlocutori internazionali una normativa che agevola il recupero del cibo ci rende sicuramente più attraenti".

“'Food for Good' -aggiunge Giuliana Malaguti, di Banco Alimentare- non è una semplice alternativa allo smaltimento delle eccedenze ma la fase conclusiva dell’organizzazione del pasto per l’evento e rappresenta un valore aggiunto da offrire ai propri clienti e una concreta modalità di operare all’insegna della sostenibilità oltre che una occasione di responsabilità sociale".

"Credo che -rimarca- questo sia una opportunità anche per Bari e per la Puglia che hanno in questo momento una immagine molto positiva dal punto di vista dell’immaginario dei viaggiatori, in parte proprio per la cultura enogastronomica”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog