Cerca

Il test

La perizia sul furgone di Bossetti: "Non ci sono tracce di Yara"

La perizia sul furgone di Bossetti: "Non ci sono tracce di Yara"

Nessuna traccia di Yara sul furgone di Bossetti. Le analisi del Ris di Parma sulla Volvo V40 e sull’Iveco Daily di Bossetti sono iniziate lo scorso primo luglio con l’utilizzo di strumenti come la Crimescope, una lampada che individua tracce biologiche, e il Luminol, che scova residui di sangue anche dopo anni e lavaggi accurati. Stando a quanto risulta a fonti della difesa, sui due mezzi del presunto assassino non sarebbero state rinvenute finora tracce biologiche riconducibili alla ragazzina di Brembate di Sopra, scomparsa il 26 novembre del 2010 e il cui cadavere è stato trovato tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola.

I risultati - La relazione sul materiale rinvenuto sull’auto e sul furgone del muratore di Mapello, in carcere dallo scorso 16 giungo, verrà depositata nelle prossime settimane e probabilmente dopo l’estate. Altra relazione ancora da depositare è quella su altro materiale biologico, come peli o capelli, trovato sul corpo della ragazzina. Secondo la difesa, da entrambi gli accertamenti non sarebbero emersi elementi a carico di Bossetti. Dunque, i difensori, da quanto si è appreso stanno valutando l’ipotesi di presentare al gip di Bergamo Ezia Maccora un'istanza per chiedere la scarcerazione del carpentiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    22 Luglio 2014 - 15:03

    Stiamo a vedere, che alla fin fine faranno uscire Bossetti con tante scuse... e magari lui si farà un gruzzoletto a spese dei tanti che l'hanno prematuramente chiamato assassino, o peggio. Bella Italia, efficiente patria del Diritto e della Legge ( e dei tromboni).

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    22 Luglio 2014 - 14:02

    indagini x fatti criminosi non dovrebbero essere affidate ai magistrati ma a polizia e carabinieri. La magistrata che ha "gestito" il caso mi pare non abbia mai saputo che pesci pigliare, salvo sottoporre mezza Italia al test del dna. Cercare e sperare di trovare tracce nei furgoni del sospettato dopo quasi 4 anni, sia pure con i più sofisticati strumenti,mi pare l'ennesima idiozia investigativa

    Report

    Rispondi

    • arwen

      22 Luglio 2014 - 17:05

      Questo è il frutto di una riforma che ha creato solo una gran confusione.

      Report

      Rispondi

  • bettely1313

    22 Luglio 2014 - 12:12

    Il furgone molto probabilmente è quello che Friki ha imbarcato sul traghetto quanto è tornato in Marocco, Le indagini fanno acqua da tutte le parti, poi adesso che si viene a sapere che gli inquirenti non hanno nemmeno il DNA di Bossetti è veramente sconcertante. Come ho detto nei primi commenti, ho il dubbio che sui leggings di Yara ci sia un DNA.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    22 Luglio 2014 - 10:10

    Il vizietto che ormai ha colpito la magistratura e gli inquirenti in genere è maligna e dà frutti velenosi. Prima va trovato l'eventuale colpevole e, poi, gli si attagliano le prove addosso. Il risultato disastroso è che spesso becchi il merlo sbagliato e talvolta permetti al colpevole di farla franca. Comunque, più si va avanti più questa, piuttosto che un'indagine, somiglia a un gran casino!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog