Cerca

Le sfide del governo

L'avvertimento di Alfano a Letta: Via l'Imu e stop all'aumento dell'Iva

Angelino Alfano

La tensione nel governo cresce sempre di piùà attorno a quelli che sono diventati dei temi cruciali: lo stop all'aumento dell'iova e l'abolizione dell'Imu. Ieri il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha detto, senza troppi giri di parole, che "non ci sono le coperture" e tant'è bastato per sollevare moltissime proteste all'interno del Pdl. Oggi, venerdì 14 giugno, è intervenuto il vicepreimer Angelino Alfano che ha lanciato un vero e proprio avvertimento al premier: "Per noi l'Imu è una bandiera e non l'ammineremo". Sia sull' Imu che sull'Iva il centrodestra ci ha messo la faccia, è stato il cavallo di battaglia durante le elezioni, un cavallo da cui adesso il pdl non ha nessuna intenzione di scendere. E per cui il governo delle larghe rischia di cadere. 

Le ragioni di una scelta - A margine della conferenza dei prefetti, Alfano, parlando dell'Imu e dell'aumento dell'Iva ha ribadito: "Siamo al governo - ha spiegato il ministro Alfano - per liberare i cittadini italiani dall’oppressione fiscale. Ci battiamo e ci batteremo, e siamo al governo proprio per questo, per eliminare l’Imu sulla prima casa e per evitare l’aumento dell’Iva. Questo l’obiettivo che ci siamo dati ed è il motivo per cui siamo entrati al governo".

Brunetta fiducioso - Anche il capogruppo alla Camera al Pdl Renato Brunetta è intervenuto sul tema dell'Iva, sottolineando quanto sia centrale per il governo. Di fronte al balletto delle dichiarazioni, Brunetta si appella al premier: "Non possiamo più sopportare un tale stato confusionale, in un momento delicato per l’economia del nostro paese. A questo punto l’unico che può riportare ordine è il presidente del Consiglio, Enrico Letta. Ne va della dignità dell’intero esecutivo. "L'Iva non aumenterà, così come  sarà eliminata l’Imu per la prima casa. Sono sicuro che Letta   manterrà gli impegni e che dirà parole di chiarezza sull'Iva e sull'Imu nell’interesse degli italiani". Effettivamente tra gli azzurri si registrano le reazioni le più disparate rispetto al nodo delle tasse e, stando a una dichiarazione che riporta il quotidiano Repubblica, lo stesso Silvio Berlusconi avrebbe riferito a un parlamentare del Pdl: "Noi dobbiamo insistere sull'Iva, sull'Imu e sui giovani. Dobbiamo costringere il governo a fare uno strappo serio con le politiche recessive attuate finorea. Ma non sarà facile perché questo è un governo di pavidi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    17 Giugno 2013 - 13:01

    Non ti preoccupare, ormai il governo anche senza di te si puo' fare. Guarda il tuo padrone come s'é ammansito...

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Giugno 2013 - 13:01

    Se ti porta via uno stipendio vuol dire che hai un reddito abbastanza elevato. Allora paga e zitto! C'é chi sta peggio e non ha casa percio' non paga IMU. Altri non possono consumare e non pagano l'IVA. A loro dobbiamo pensare, non alle lamentele di chi sta bene.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    15 Giugno 2013 - 17:05

    Caviale del Volga, Dom Pérignon, frutta californiana, Incontro al Polo Club col Principe Silvino, poi cavalcata come il cav. notte da mille e una giornata di non lavoro con escortine, liberaline e senza gonnelline. Programma valido ? Ma non ho un cent. Sveghliati, Alfano. Ce vogliono e' quattrini! Non parole.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    15 Giugno 2013 - 17:05

    Maltrattato da Berlusconi che lo vede come uno schiavetto agli ordini. Ora vuole imporre il programma del suo partito anche in mancanza di mezzi. Deve dire - visto che é Viceprimoministro - dove prendere i soldi; altrimenti é sciocca propaganda.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog