Cerca

La valanga

Effetto-Bertolaso, Meloni all'angolo: quella fronda dei "ventuno"

Guido Bertolaso e Giorgia Meloni

«Fatevene una ragione, mentre voi parlate noi siamo già a lavoro per ricostruire Roma». È il tweet di Giorgia Meloni. Che ribadisce il sostegno a Guido Bertolaso, candidato proposto da Silvio Berlusconi alla carica di sindaco di Roma e accettato, dicono senza entusiasmo, dalla parte più destrorsa della coalizione.

Interpretazione che Fratelli d’Italia smentisce. Però l’ex commissario della Protezione Civile deve sintonizzarsi un po’ meglio con l’elettorato romano, che è tradizionalmente di destra. Uscite sul proprio passato democristiano o dichiarazioni compassionevoli sui campi nomadi si prestano a strumentalizzazioni. Meglio evitare. E ieri, in un incontro tra Meloni e Bertolaso (incorniciato dall’immancabile selfie) si è parlato anche di questo: come tarare la comunicazione dopo la partenza un po’ incasinata del candidato. Che l’ex ministro della Gioventù ha intenzione di prendere per mano fino al giorno del voto: «Sarò la capolista di Fratelli d’Italia», faranno campagna elettorale insieme, assicura Giorgia, finché la gravidanza sarà compatibile con i suoi impegni pubblici. Ma c’è un altro parto che spaventa il centrodestra ed è in gestazione da più di nove mesi: i due processi che sono a carico dell’ex sottosegretario, uno dei quali potrebbe arrivare a sentenza (di primo grado) proprio a ridosso delle elezioni.

Non è un handicap, giurano quelli di Fratelli d’Italia. Anche Matteo Salvini concorda. O almeno dice di concordare: «Quelli che hanno letto le carte processuali», spiega il leader leghista, «mi hanno detto che non c’è assolutamente niente. Io mi fido, Bertolaso è una bravissima persona, con dei processi in corso. E per questo», ammette Salvini, «finiremo per essere attaccati». Pazienza. Sui rom, però, il segretario del Carroccio non ammette cedimenti: «Non può dire che siano vessati, chiunque voglia governare con la Lega deve radere al suolo e chiudere i campi rom».

Intanto, in Fratelli d’Italia esplode il caso dei 21 dirigenti che dissentono sulla scelta dell’ex uomo della Protezione civile. Denunciano «l’incredibile procedura con cui sono stati scelti i candidati sindaci del centrodestra in tutte le città e, in particolare, a Roma». Volevano le primarie e adesso sono pronti a sostenere la candidatura di Francesco Storace. Che succede? Niente, dicono in Fdi. Perché, spiega Marco Marsilio, «si tratta di “sedicenti” dirigenti del nostro movimento che, dal giorno dell’assemblea dei soci della Fondazione An, si sono posti contro e fuori del partito», scegliendo di «dare vita» ad Azione nazionale con «la benedizione e il patrocinio di Alemanno e Fini». Se i due vogliono sostenere Storace, conclude Marsilio, «lo facciano a viso aperto e senza nascondersi». Concetto ribadito anche dal cordinatore dell’esecutivo di FdI Giovanni Donzelli. Che precisa: «Di questi 21 solo tre sono romani».

Francesco Storace accoglie con favore le nuove adesioni. Quelle provenienti da Fratelli d’Italia e non solo: «Se anche dal movimento di Salvini a Roma arrivano significative adesioni, ne prendo atto con grande soddisfazione e auspico che il centrodestra voglia ragionare sull’unica opzione di destra pronta a competere per la capitale». L’ex presidente della Regione Lazio aveva chiesto che la decisione sul candidato passasse attraverso le primarie. Non è stato ascoltato e allora ha deciso di essere in campo con la sua candidatura: « Non servono appelli a favore di un candidato sciagurato, ma serietà nel comprendere che un elettore di centrodestra fatica a scegliere tra candidati di sinistra».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    17 Febbraio 2016 - 16:04

    Che scivolata, Giorgia! Per fare un marmocchio hai ceduto su tutta la linea! Peccato, perché questo era il tuo momento, ma una scopata di troppo ha privato te e noi di qualcosa che sarebbe potuto essere molto importante per tutta la Destra italiana.

    Report

    Rispondi

  • gattomatto

    17 Febbraio 2016 - 14:02

    ma quelli condannati o comunque sotto processo non dovevano saltare un turno ????????????

    Report

    Rispondi

  • nick2

    17 Febbraio 2016 - 13:01

    Boss1, finiscila di arrampicarti sugli specchi. Salvini è un buffone e non conta un cazzo. Le candidature di Bertolaso e Parisi lo dimostrano. Prima del 2018 torna sotto il 10%. Vogliamo scommettere?

    Report

    Rispondi

    • boss1

      boss1

      17 Febbraio 2016 - 17:05

      nick2 non mi arrampico sugli specchi sono solamente realista il buon piacione2 è benvoluto da chi realmente a Roma comanda dai tempi del Papa Re cioè da sempre. poi a me di Salvini e compagnia frega nulla sono oltre la destra oltre la sinistra. ciao e buona serata.

      Report

      Rispondi

  • miraldo

    17 Febbraio 2016 - 12:12

    Che la Meloni non sia in grado di gestire un partitello che sfiora il 2% lo si sapeva. Ma l'errore di proporre Bertolaso nonostante la Lega di Salvini non era d'accordo è sempre colpa sua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti