Cerca

Senza pietà

Claudia Galanti a Verissimo, drammatica intervista su figlia morta, depressione e suicidio. Su Twitter la insultano

Claudia Galanti a Verissimo, drammatica intervista su figlia morta, depressione e suicidio. Su Twitter la insultano

La figlia morta a 9 mesi, quando lei era lontana. La depressione, gli istinti suicidi. È drammatica l'intervista-confessione di Claudia Galanti a Verissimo, davanti a Silvia Toffanin. La modella paraguaiana parla senza remore del suo dramma privato: "Ogni notte, quando vado a letto, i sensi di colpa mi mangiano il cervello. Penso che, forse, se ci fossi stata, avrei potuto fare qualcosa. Ma è normale che una madre pensi così". Il ricordo della piccola Indila, scomparsa a Parigi un anno fa, mentre la bellissima Galanti era a Dubai,  sempre vivo: "Il mese di dicembre è stato molto difficile dal punto di vista emotivo. Ho deciso di interrompere la terapia e non prendere più medicine perché voglio farcela da sola. La cura per la depressione va presa per un periodo determinato ed io non voglio andare avanti oltre". Sempre a causa della depressione le è ricapitato di pensare al suicidio: "Non è un momento felice della mia vita, ma ovviamente non lo farei mai". E anche l'idea di un'eventuale nuova gravidanza non la fa sentire meglio: "Sì, ci penso ma mi vengono strane idee. Ti resta un trauma. Una prossima gravidanza la vivrò sicuramente male, con molte paure". Un'intervista, insomma, dolorosa e intensa. Eppure c'è chi su Twitter preferisce ironizzare, anche con cattiveria: 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    22 Marzo 2016 - 11:11

    Ma quale depressione.Per certa gente i figli sono un impedimento alla carriera.Stia serena.

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    09 Gennaio 2016 - 23:11

    Che indegni insensibiLi

    Report

    Rispondi

  • Robiusa

    09 Gennaio 2016 - 22:10

    Mamma mia che gente di m...cacca. Hanno tanta rabbia e astio, oltre ad un'infinita maleducazione, che scriverebbero contro su chiunque. Pena.

    Report

    Rispondi

blog