Cerca

Il sospetto

Notre-Dame, la società edile ammette ai pm: "Gli operai fumavano sul cantiere"

24 Aprile 2019

0
Notre-Dame, la società edile ammette ai pm: "Gli operai fumavano sul cantiere, ma non è colpa delle sigarette"

Dopo l'incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame, crescono i sospetti sulle scarse misure di sicurezza adottate nel cantiere dei lavori di ristrutturazione della chiesa. I responsabili della Le bras freres, la società edile che montava l'impalcatura attorno alla guglia di Notre-Dame, hanno ammesso davanti ai magistrati che diversi operai fumavano all'interno dello stesso cantiere.

I dirigenti della società si sono detti "rammaricati" per la violazione messa in atto dagli operai, anche se hanno escluso ogni legame fra le sigarette fumate dagli operai e il rogo della cattedrale. Resta il fatto che, secondo un articolo del Canard Enchainé, gli inquirenti avrebbero trovato almeno sette mozziconi nella zona dei lavori: "Effettivamente - ha detto il portavoce dell'impresa, Marc Eskenazi - ci sono operai che ogni tanto hanno violato il divieto, ma in nessun caso all'origine dell'incendio ci potrebbe essere un mozzicone spento male".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media