Cerca

Brunetta: trasparenza

O faccio la lista dei cattivi

24 Agosto 2009

5
Brunetta: trasparenza
 Brunetta fa la lista dei buoni e dei cattivi. Poi li mette alla berlina sul sito internet così imparano la lezione. Il ministro della Funzione Pubblica ha deciso di passare alla moral suasion: va bene toccare i portafogli e dare multe, ma anche un po' di pucclico ludibrio può convincere chi deve offrire trasparenza nella pubblica amministrazione a rispettare le normee a fare il proprio lavoro. «Una certa resistenza alle novità da parte delle burocrazie ministeriali non mi stupisce, ma a a settembre arriveranno sanzioni morali e materiali per chi non rispetta le norme. Gli obblighi di trasparenza, poi, saranno estesi a magistrati, professori universitari e le altre professionalità di vertice che non hanno la qualifica di dirigenti», spiega il ministro, intervistato dal Sole 24 ore. «Chiudiamo il cerchio con l'approvazione del decreto attuativo su meritocrazia e trasparenza, il testo della class action nella pubblica amministrazione e l'avvio della posta elettronica certificata. Dal primo gennaio tutto il sistema sarà operativo, Su questi temi, finalmente, la pubblica amministrazione può uscire vittoriosa, e con orgoglio, dal confronto con il privato», annuncia Brunetta. «La sanzione più efficace è ovviamente quella economica, cioè il taglio del salario accessorio al dirigente dell'ufficio che non rende disponibili i dati. La previsione si può inserire nel decreto attuativo della riforma del pubblico impiego, che sta finendo i passaggi in commissione e sarà approvato al consiglio dei ministri intorno a metà settembre». E comunque, puntualizza Brunetta, a inizio mese «pubblicheremo sul sito della Funzione pubblica la lista dei buono, o dei trasparenti, e dei cattivi, così ci sarà subito una sanzione morale», osserva il ministro della Funzione Pubblica. Senza dimenticare la class action pubblica, per cui il governo provvederà «subito», perché «è la sanzione delle sanzioni: tra settembre e ottobre sarà pronta anche lei, perché a gennaio tutto il nuovo sistema deve essere operativo».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    27 Agosto 2009 - 11:11

    Quando sentirò dire al sig. Brunetta che gli insegnanti (quelli pagati anche durante l'estate) devono recarsi al lavoro tutti i giorni completando tutte le ore per cui ricevono lo stipendio, allora mi ricrederò sul Ministro. Invece so per certo che finita la scuola, il 26 giugno 09, ha ritirato l'ordine di controllo fiscale obbligatorio, sapendo che molti insegnanti partivano per trascorrere al Sud i famosi tre mesi e, poiché questi in fondo sono voti da non buttare, tace e si scaglia contro i soliti già controllati da sempre, cioè al Nord. Come ben dicono anche Click e andrealazzarotti

    Report

    Rispondi

  • antari

    25 Agosto 2009 - 10:10

    quanti soldi riceve lo staff di Brunetta? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • Shift

    25 Agosto 2009 - 08:08

    Tutte caz....! Brunetta si da importanza e gli danno troppa importanza ai provvedimenti che dice d'adottare nella P.A.. Ho seguito il caso di un conoscente che era nella P.A., in pratica hanno colpito chi era senza protezione e copertura poltica e tutto il resto è rimasto com'era. Gli stessi colpiti sono stati riciclati. Come diceva il gattopardo, bisogna cambiare per non cambiare un bel niente! Ed è esattamente quello che ha fatto Brunetta, avendo pure gli applausi! Certo che noi italiani siamo bravi a farci infinocchiare dagli imbonitori e dagli illusionisti! salvo poi pagarne lo scotto, come al solito, noi stessi, visto che siamo coloro che pagano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media