Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

KanYe West punta sulla moda

KanYe West punta sulla moda

KanYe West punta sulla moda. Mr. West ha mai fatto mistero sulla propria passione per l’universo-fashion, tanto che secondo diversi tabloid ......

 

ascolta ora

Radio 105

In provincia di Vercelli

Valsesia, allarme per i cinghiali radioattivi

Le analisi su diversi capi abbattuti nella stagione di caccia rivelano la presenza dell'isotopo (rilasciato anche a Chernobyl) superiore ai limiti sostenibili

Valsesia, allarme per i cinghiali radioattivi
Il Cesio 137 è risultato maggiore al limite sostenibile in caso di incidente nucleare. Allarme nei boschi della Valsesia, in Piemonte

Dopo il ragù contaminato dalla carne di cavallo e le tracce di batteri fecali nella torta al cioccolato, ecco la notizia sui cinghiali: sono stati scoperti decine di esemplari nei boschi della Valsesia, in provincia di Vercelli, con residui di cesio 137. Si tratta di un isotopo radioattivo, tipico del metallo alcalino cesio, che si forma come sottoprodotto della fissione nucleare dell'uranio. La scoperta è stata fatta in seguito ad un'analisi su campioni di lingua e diaframma che hanno svelato che su 27 capi, abbattuti durante la stagione di caccia 2012-2013, il livello di Cesio 137, sostanza rilasciata per altro nel 1986 dalla centrale di Chernobyl, è risultato maggiore rispetto al limite sostenibile in caso di incidente nucleare e indicato dal Regolamento 733 del 2008. L'Italia, ora, ha anche i cinghiali radioattivi.   

I test - I campioni erano stati estratti per essere sottoposti ad un'indagine sulla trichinellosi, malattia parassitaria tipica dei suini. In seguito gli stessi campioni sono stati sottoposti, per precauzione, ad una serie di test di screening per la ricerca del radionuclide Cesio 137. I risultati hanno sottolineato la presenza, in molti campioni, di un livello di Cesio 137 superiore a 600 Bq/Kg ossia Becquerel per Kilo, unità con cui viene misurato il cesio 137. Il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha chiesto l'intervento della Direzione Generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione  e l'apporto dei carabinieri del Nas e Noe. Prevista per la giornata dell'8 marzo la prima riunione di coordinamento per mettere in atto misure di riparazione idonee.

Segnale di pericolo
- "I cinghiali sono animali sentinella delle condizioni di inquinamento dei territori in cui vivono, perché ci forniscono delle informazioni precise grazie ad un certo modo si sfruttare l'ambiente" ha spiegato Aldo Grasselli, segretario nazionale del Sindacato italiano veterinari medicina pubblica (Sivemp), che ha poi aggiunto: "Senza fare ipotesi azzardate su gli esemplari positivi al cesio 137, come quella di un retaggio di Chernobyl, una contaminazione degli animali deve richiedere approfondimenti e analisi del contesto ambientale, metereologico e idrogeologico in cui vivono". La prima necessità è quella di individuare il cesio 137, a questo proposito la Coldiretti ha dichiarato: "Occorre estendere immediatamente le analisi ad altri animali selvatici e fare al più presto chiarezza sulle fonti di contaminazioni in un Paese come l'Italia che ha fatto la scelta di non avvalersi del nucleare a differenza di quanto accade nei Paesi confinanti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • taxpayer

    09 March 2013 - 11:11

    Che l'industria nucleare francese o svizzera passi le Alpi con scorie radioattive e le seppellisca in Valsesia e' una supposizione da matti. Occorre invece analizzare la concentrazione di tutti gli isotopi radioattivi del Cs per individuarne la sorgente. Il ciclo biologico del cesio e' infatti complesso e dopo l'assorbimento nell'humus viene rimesso in circolo dalla scala alimentare. Comunque, basta guardare i dati della Svezia, che dopo Chernobyl fu colpita da un altissimo fallout di Cs, per verificare se i valori misurati in Italia siano compatibili con questa ipotesi.

    Rispondi

  • aresfin

    08 March 2013 - 15:03

    Sono daccordissimo con te. Io manderei a pascolare in quei boschi anche tutto l'apparato di direzione del PD.

    Rispondi

  • cheope

    08 March 2013 - 12:12

    Sono anni che sia in Val Sesia che nel comprensorio di Domodossola si vocifera che sia i Francesi che gli Svizzeri smaltiscono i loro rifiuti radioattivi seppellendoli al di qua del confine italiano.Ora vi è la prova, speriamo per il bene delle persone che vivono là che si faccia chiarezza e che non venga tutto messo a tacere come al solito.

    Rispondi

  • gilucas

    08 March 2013 - 11:11

    Bettola non è troppo distante dalla Val Sesia.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping