Cerca

Il documento di nove economisti

Il dossier che fa tremare il governo. Così l'Ue ci imporrà la patrimoniale

Il dossier che fa tremare il governo. Così l'Ue ci imporrà la patrimoniale

La battaglia di Matteo Renzi contro tutti i paesi del Nord Europa rischia di portare l'Italia a sbattere contro un muro. È il messaggio tra le righe di un paper di sei pagine della Scuola di politica economica europea della Luiss, firmato da nove economisti molto vicini al governatore della Bce, Mario Draghi, e contigui, scrive il Giornale, agli ambienti bocconiani che hanno governato l'Italia fino a pochi anni fa. Il lavoro pubblicato sul sito dell'università di Confindustria è firmato da Carlo Bastsin, Lorenzo Bini Smaghi, Franco Bruni, Marcello Messori, Stefano Micoss, Franco Passacantando, Fabrizio Saccomanni e Gianni Toniolo. Online dal 21 gennaio, sta circolando sulle scrivanie di mezza Europa, ma il messaggio principale si rivolge al premier Renzi avvertendolo della necessità di mettere ordine ai conti pubblici nel più breve tempo possibile, anche con una tassa patrimoniale se ce ne sarà bisogno. La minaccia, secondo gli economisti, è che gli Stati comincino a pagare un prezzo ben più alto di quanto abbiano già fatto le banche con il bail-in, e l'Italia in questo scenario rischia di staccare l'assegno più pesante.

L'avvertimento - Finora a dare ossigeno all'economia europea ci ha pensato il Quantitative easing di Mario Draghi che ha iniettato liquidità con l'acquisto pianificato di titoli di Stato. Ma il piano dell'Eurotower ha una scadenza, davanti alla quale non ci si potrà far trovare impreparati: "La sfiducia nella capacità italiana di ridurre il rapporto debito/Pil scoraggia il ricorso a pratiche di condivisione dei rischi" scrivono gli economisti che a proposito dell'ultima legge di Stabilità esprimono tutto il loro scetticismo per i "modesti effetti sui consumi privati, mentre gli investimenti non accennano a ripartire". Intanto avanza il piano tedesco che punta all'Unione bancaria e finanziaria attraverso il Fondo unico di risoluzione e la garanzia europea sui depositi. La Bundesbank chiede alla banche di vendere i titoli di Stato in eccesso, fissando una soglia massima, in modo che l'aiuto agli istituti non finisca per aiutare Paesi poco virtuosi. Così quei titoli smettono di essere sicuri, si dotano di un rating particolare che nei piani di Berlino sarà modulato a seconda del Paese che lo emette. Il corto circuito è dietro l'angolo: se le banche vendono e uno Stato chiede l'aiuto dell'Europa, non potrà far altro che dichiarare default, tagliando il valore delle emissioni e riscadenzandole.

Vendere - La strada obbligata, secondo gli economisti della Luiss, assomiglia in modo inquietante a quella già dettata dalla Troika in Grecia. Secondo le loro indicazioni, Renzi dovrebbe evitare l'apertura della procedura di infrazione per deficit eccessivo, mostrando segnali di buona volontà come ad esempio privatizzazioni: "tese a ridurre l'laumento nominale del debito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino del3mi

    24 Febbraio 2016 - 07:07

    La colpa è degli italiani, si preoccupano della partita, e di altre cazzate, e non buttano a mare tutte le capre che pretendono di governare questo paese che li sta affamando, mentre loro, si vendono pure i sampietrini

    Report

    Rispondi

  • it9sjt

    22 Febbraio 2016 - 09:09

    Ma quale commento si può lasciare se è tutta una porcata: come faranno a sopravvire i vedovi o le vedove, che avranno la sfortuna di continuare a vivere? Andranno a casa di Renzi a mangiare e a pagargli le tasse. suggerirei di sopprimere il coniuge sopravvisuto.

    Report

    Rispondi

  • EhEhEh

    18 Febbraio 2016 - 12:12

    Scusate ma Maria Giordano non ha un caxxo da fare che scrivere tutti i giorni qui?

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    18 Febbraio 2016 - 10:10

    L'intelligenza comunista non si deve mettere in dubbio. Loro sono i migliori. Fra poco vareranno il nuovo modello Unico Semplificato, dove ci saranno solo due voci. La prima voce : Quanto hai guadagnato ?, nella quale tu scrivi il tuo reddito. Nella seconda voce ci sarà scritto : dacceli tutti. Poi ideeranno la tessera annonaria che servirà per mangiare. Una sola volta al dì chiaramente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog