Cerca

Dramma della disperazione

Artigiano strangolato dalla crisi
vende il rene per 30 mila euro

La somma serve per sanare i debiti della sua azienda

L'uomo, un vicentino di 40 anni, ha chiesto invano aiuto a banche e associazioni: "Capisco le difficoltà di salute a cui mi espongo, ma non sarà sicuramente peggio della situazione che vivo ora" 

Trenta mila euro basterebbero a salvare la sua attività. Ma le banche non lo aiutano, né le associazioni che dovrebbero tutelare gli "strozzati" della crisi e così disperato è pronto a vendere il suo rene per sanare i suoi debiti. E' l'ennesima storia della disperazione di un artigiano stritolato dalla recessione quella raccontata dal "Gazzettino". L'uomo, un vicentino di 40 anni, gode di ottima salute, ma è pronto a vivere il resto della sua vita da invalido pur di salvare il suo lavoro di artigiano e la sua famiglia. 

"Il mio calvario è iniziato poco meno di due anni fa", rivela, "sembrava una cosa risolvibile nel giro di un paio di mesi poi invece la situazione è precipitata, la crisi si è acuita, da sette mesi non lavoro se non saltuariamente e le entrate troppo scarse non mi permettono di far fronte alle necessità della mia famiglia". Sono 7 mesi che non riesce a uscire da questa situazione: "Con il lavoro completamente fermo", racconta al Gazzettino, "ho chiesto aiuti, ho bussato a tutte le porte, nessuna associazione neanche quella di categoria può farmi da garante, perché non sono finanziabile dalle banche anche se la somma che mi servirebbe è di 30.000 euro".

L'artigiano dice di aver riflettuto molto prima di mettere l'annuncio con il quale offre una parte del suo corpo giungendo alla conclusione che con un solo rene si può vivere anche se in modo controllato e certamente non più come nella prima parte della sua vita. «Forse se trovo l'acquirente serio riuscirò a rimettere in ordine la mia vita, ad avere una base per far ripartire il mio lavoro, capisco le difficoltà di salute a cui mi espongo, ma non sarà sicuramente peggio della situazione che vivo ora".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grumble bear

    16 Giugno 2012 - 17:05

    vendere un organo è vietato

    Report

    Rispondi

  • decibel

    15 Giugno 2012 - 17:05

    Siamo in una situazione che dire degradata è poco, si continua sulla scia della disperazione sociale ed il professore, si perchè è lui che governa, mette la testa sotto la sabbia come lo struzzo e fa finta di niente. Più che altro mi viene da pensare che adesso Monti tasserà pure la donazione di organi se a scopo di lucro, su mariolino mettici una tassettina. Che possano saltare tutte le banche.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    15 Giugno 2012 - 13:01

    poi il sistema (marcio) difende i rom... poverini, non si può dire zingaropoli sennò quei nobiluomini si offendono. E orde di balordi africani mantenuti a pensione completa in albergo... si lagnano pure che il sussidio è basso. E intanto gli italiani raschiano il fondo del barile. Vergogna, meno risorse a scrocco a stranieri e zingari, redirigere urgentemente il welfare in soccorso dei casi veramente urgenti e ITALIANI.

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    15 Giugno 2012 - 12:12

    Stato ladro legalizzato....per salvare le banche ed i banksters....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog