Cerca

La difesa dell'ex governatore

Galan, un cappotto da 16mila euro per la segretaria.
E la moglie "troppo grassa per fare la cubista"

Galan, un cappotto da 16mila euro per la segretaria. 
E la moglie "troppo grassa per fare la cubista"

Non vuole parlare di lei, ma alla fine qualche dettaglio sulla ex segretaria che lo ha inguaiato lo ha tirato fuori. Giancarlo Galan durante la conferenza stampa organizzata ieri per illustrare la sua difesa dalle accuse rivoltegli nell’ambito dell’inchiesta Mose, per cui i pm hanno chiesto l’autorizzazione alla Camera per la custodia cautelare, ha precisato che il capitolo su Claudia Minutillo va aperto «prima con i magistrati che con i giornalisti».
Poi però l'ex governatore del Veneto chiarisce: «Volevo assumere mia cugina, ma la Minutilo era stata appena licenziata dall’onorevole Paolo Scarpa Bonazza Buora, molto influente all’epoca in quanto coordinatore regionale di Forza Italia, che la mise in mezzo ad una strada e lei con grande abilità si ingraziò tutti andando a lavorare al gruppo regionale. Essendo una gran lavoratrice si fece assumere".

Lusso sfrenato - Galan spiega poi che la mandò via "più di otto anni fa per l’antipatia che aveva con mia moglie, figurarsi.... La verità è che era antipatica a tutti, nessuno la sopportava". Non solo: "Era la segretaria più lussuosamente e costosamente vestita dell’emisfero boreale. Quando ho saputo che indossava un cappotto da 16 mila euro, allora qualche dubbio mi è venuto...». Giancarlo Galan non ha aggiunto altro in merito alla Dark Lady sua accusatrice nell’ambito dell’inchiesta Mose, ma "certo", dice, "qualche dubbio mi viene, quando vedo che con le sue dichiarazioni ha ottenuto, dopo aver fatto quello che ha fatto, un patteggiamento di un anno e oggi si fa fotgrafare su una plancia di una barca...".

La moglie - L'ex governatore del Veneto parla anche della moglie, per difenderla dal fango che le è piovuto addosso subito dopo l'apertura dell'inchiesta che lo riguarda. Illustrando la memoria difensiva Galan chiarisce che la sua signora, Sandra Pertegato, "non faceva la cubista, non ha neppure il fisico, anche se è una bellissima donna a cui voglio bene. Quando mi ha conosciuto lavorava nel volontariato ed è stata licenziata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    24 Giugno 2014 - 15:03

    Se Galan sia colpevole o vittima non sta a me a stabilirlo, ma leggendo i commenti sottostanti, mi rendo conto di quanta cultura ci sia dentro

    Report

    Rispondi

  • kontros

    24 Giugno 2014 - 13:01

    …che sant'uomo questo Galan!… è tutta colpa della Finanza e della segretaria….50 milioni di euro all'estero ti dicono qualcosa Galan o anche a te facevano affari a tua insaputa ( e nel tuo interesse)? Non c'è niente da fare : non se ne salva uno né a destra né tanto meno nelle file dei moralisti di sinistra….

    Report

    Rispondi

  • zuma56

    24 Giugno 2014 - 12:12

    La moglie sarà diventata grassa a furia di "mangiare". Per il resto, Galan aveva una segretaria che indossava cappotti costosissimi e non ha ritenuto opportuno segnalare a chi di dovere ( finanza ) la stranezza ? O era ricattato oppure anche lui, come molti suoi compari di partito viveva . . . . . a sua insaputa !

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    24 Giugno 2014 - 12:12

    Giancarlo scusa, non avendo i requisiti per fare la cubista, non è che tua moglie facesse il cubo? La sua professione non può essere stata inventata

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog