Cerca

Finanziamento ai partiti

Scandalo rimborsi in Basilicata,
arrestati assessori e consiglieri

Sono finiti ai domiciliari Viti (Pd), Mastrosimone (Idv) Pagliuca (Pdl). Sequestrati conti correnti per 100mila euro

La sede della Regione Basilicata

La sede della Regione Basilicata

 

Due assessore regionali agli arresti domiciliari: Vincenzo Viti (Pd) con deleghe al Lavoro ed alla Formazione, e Rosa Mastrosimone (Idv), esterno, con delega all’agricoltura. Ma anche il capogruppo del Pdl Nicola Pagliuca e altri consiglieri ai quali sono stati notificati sette divieti di dimora ed un obbligo di dimora nel Comune di residenza: Antonio Autilio (Idv), Paolo Castelluccio (Pdl), Agatino Mancusi (Udc), Mariano Pici (Pdl), Alessandro Singetta (Gruppo Misto), Mario Venezia (Pdl), Rocco Vita (Psi) e l'ex consigliere Vincenzo Ruggiero (Udc). L'inchiesta sui costi  della politica nel Consiglio regionale della Basilicata è arrivata a una svolta e sono in corso da parte di Guardia di Finanza, Carabinieri e Squadra Mobile, su ordine della Procura, l’esecuzione di numerose ordinanze di custodia cautelare nei confronti di una decina di politici che hanno richiesto rimborsi non dovuti per spese di vitto, per trasferte e missioni. Non solo: sono stati anche sequestrati conti corrente per un valore totale di circa centomila euro. In particolare, le somme sequestrate agli assessori e ai consiglieri regionali lucani indagati variano da circa cinquemila a 18 mila euro. L'inchiesta è partita ad ottobre con il sequestro di una voluminosa documentazione nel Consiglio regionale.

L'inchiesta è la seconda che la Procura di Potenza ha condotto in Basilicata sui costi della politica. Il 10 aprile scorso è arrivato a sentenza di primo grado il processo su altri quattro esponenti del Consiglio regionale, due in carica (Franco Mattia del Pdl e Franco Mollica dell'Udc) e due ex (Prospero De Franchi e Giacomo Nardiello) che sono stati condannati ad un anno e 8 mesi di reclusione, con pena sospesa, per falso e truffa. Sono accusati di aver percepito rimborsi chilometrici forfettari non dovuti per la trasferta dal Comune di residenza a Potenza, sede del Consiglio regionale. I fatti riguardano la passata legislatura. I politici condannati hanno annunciato che ricorreranno in appello. L'inchiesta che ha portato alle condanne fu avviata dal pm Henry John Woodcock.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mamex

    mamex

    24 Aprile 2013 - 16:04

    Sono un cancro voluto dai partiti per piazzare i 'loro' in modo che rubassero a volontà. Non è un caso che da quando sono state istituite il debito pubblico ha cominciato a salire vertiginosamente! Con la loro forma di autogoverno fanno quello che gli pare senza controllo. Non sono le provincie che devono essere eliminate (che fanno il loro lavoro abbastanza egregiamemente perché controllate) ma loro le regioni, fonte di spreco e disiomogeneita col potere centrale. Meditate gente meditate.

    Report

    Rispondi

  • mamex

    mamex

    24 Aprile 2013 - 16:04

    Sono un cancro voluto dai partiti per piazzare i 'loro' in modo che rubassero a volontà. Non è un caso che da quando sono state istituite il debito pubblico ha cominciato a salire vertiginosamente! Con la loro forma di autogoverno fanno quello che gli pare senza controllo. Non sono le provincie che devono essere eliminate (che fanno il loro lavoro abbastanza egregiamemente perché controllate) ma loro le regioni, fonte di spreco e disiomogeneita col potere centrale. Meditate gente meditate.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    24 Aprile 2013 - 15:03

    e' evidente che questi fondi non servono per fare politica, ma sono solo una elemosina grassa per i miserabili pezzenti della politica stessa. Politici che stanno ogni giorno in decine di talk-show del tutto GRATUITI, durante i quali ci ammorbano con le loro critiche, le loro proposte da furbi, con le loro miserabili propagande quotidiane. Allora, se sono sempre lì a romperci le palle, che bisogno c'è di altri soldi per farsi conoscere ? la scusa da bestie è che senza fondi solo i ricchi possono fare politica.... si vede CHIARO che così non è ! allora SONO SOLO dei LADRI E dei BUGIARDI, ma questo lo sapevamo già.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    24 Aprile 2013 - 15:03

    di così si muore!!! ce stanno proprio tutti chi più chi meno!!!!questa è la riprova di come finirà, a tarallucci e vino

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog