Cerca

A Firenze

Pd, Bersani alla canna del gas: si affida a Renzi per non affondare

Il sindaco (ex) rottamatore tira la volata al segretario che l'ha battuto alle primarie: i dem finiscono in burla

Pd, Bersani alla canna del gas: si affida a Renzi per non affondare

La buttano sulla risata, per non piangere. Pierluigi Bersani si affida alla verve di Matteo Renzi per rilanciare un Partito democratico tramortito da sondaggi in picchiata e credibilità presa a martellate dallo scandalo Mps. E nella sua Firenze, il sindaco che fino al 31 dicembre picconava il segretario nella sfida delle primarie si impegna a tirargli la volata, nonostante i suoi "uomini" siano stati praticamente depennati dalle liste dei candidati. Bella riconoscenza, dirà qualcuno. Ma così va nel Pd, che fa buon viso a cattivissimo gioco e prova, appunto, a mostrare il sorrisone dei momenti migliori. Basta dare un'occhiata al sito ufficiale del partito, sempre in prima fila quando si tratta di burle e trovate kitsch. In home page, ecco allora una bella foto della strana coppia Bersani-Renzi con completo nero e occhiali da sole stile Blues Brothers. L'effetto, straniante, è quello di due iettatori. 

Guida Matteo
"Voglio dare il benvenuto al prossimo presidente del consiglio Peirluigi Bersani", è l'introduzione di un Renzi scoppiettante dal palco dell'Obi Hall, e neanche a farlo apposta sembra un po' una gufata. Il sindaco è in gran spolvero, quasi a prendersi una rivincita del tipo "tu mi hai fatto fuori ma ora ti salvo". Quasi emblematicamente, è stato proprio Renzi a guidare l'auto con cui i due sono arrivati al teatro fiorentino. "Ho incontrato Pierluigi poco fa in Palazzo Vecchio, nella sala dei sindaci, ed ho pensato di fargli firmare il libro d'onore - ha proseguito Renzi -, ma poi ho detto no, lo firmerai quando verrai a Firenze da presidente del consiglio. Ti verremo a cercare, abbiamo una certa esperienza nell’andare a scovare i presidenti del consiglio anche in sedi non istituzionali", scherza un po' polemicamente ricordando la sua visita a Berlusconi ad Arcore, che tante critiche gli procurò da sinistra. E finchè c'è lui sul palco, il Pd va avanti a battutine. Tipo quella su Fini alleato di Monti, "che non è quello dei tortellini, ma quello che con Le Pen andava in visita da Saddam Hussein", o su Berlusconi che "può ingaggiare Balotelli, anche se ingaggiasse il mago Silvan non servirebbe a far sparire le cose che abbiamo visto in questi anni". Poi Renzi assicura: "Il Pd è tutti, non delle correnti. Dobbiamo dire con grande franchezza che l'Italia giusta ha bisogno di ognuno di noi. Noi oggi siamo qui per dire che Firenze vuole contribuire all'Italia giusta".

La rabbia di Bersani - Poi tocca a Bersani, in maniche di camicia, rigorosamente arrotolate in Renzi-style. L'ironia toscana del sindaco lascia spazio a toni un po' più arrabbiati e corrucciati. "
Attenzione alle sirene che dicono il Pd ha già vinto, è avanti. Non ci fa piacere. Qui vince chi arriva primo, sia chiaro che i voti son tutti utili, hanno tutti la stessa dignità. Ma se si vuole vincere sulla destra, c'è un solo voto, quello al Pd". A tener banco c'è il caso Monte dei Paschi e Pier lo sorvola con prudenza: "Stiamo chiedendo una commissione di inchiesta parlamentare sui derivati che devono essere messi assolutamente sotto regole, è ora che paghino la Tobin Tax", senza però entrare nel merito delle responsabilità del Pd. Il segretario s'infervora invece quando parla delle parole di Monti sul Partito democratico "nato nel 1921", proprio come quello comunista: "La battuta di oggi è stata veramente infelice, si può dir tutto ma non ferire un progetto come il nostro di cui non ha neanche la vaga idea". E sulla campagna elettorale dei suoi avversai Bersani s'indigna: "Siamo ancora o al festival delle promesse o all'attacco generico all'avversario senza che si riesca a mettere a tema il futuro del paese". E via alla strigliata per Monti e Berlusconi e i loro programmi taglia-tasse e pure a Beppe Grillo, che in Sicilia ha promesso 1.000 euro al mese a tutti i disoccupati per tre anni. "Favole invereconde - le ha bollate Bersani - e non degne di un Paese serio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero_pantalone

    03 Febbraio 2013 - 19:07

    Più che i black br.. sembrano la banda bassotti|

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    02 Febbraio 2013 - 12:12

    Bravo renzi ottima carriera,Ma io dico come è possibile che sti comunisti siano così stupidi e boccaloni.Hanno già dimenticato le parole grosse che sono volate fra renzi e bersani in campagna primarie?D'accordo che era tutta una finta,ma questo lo si è capito dopo.Molti hanno appoggiato renzi perchè prometteva freschezza nuovo ispirava fiducia,persino molti del PDL lo adoravano e molti gli avranno anche dato il voto,per scoprire alla fine che era tutta una finta per incassare soldi,renzi non avrebbe mai lasciato ilPD anche se era stato trattato da cane.Ora bersani sta scendendo sempre più nella merda e che ti fa? ricorre a renzi,che poltrona gli darà in caso di vittoria?Ma non posso pensare che gli italiani sx possano accettare tutto quello che bersani racconta loro,ma capiscono cosa è successo al MPS? o credono solo alle balle che bersani racconta dimostrando che lui ha ragione perchè urla che lui sbranerà tutti coloro che pensano al PD ladrone?Svegliatevi fessi lui non pensa a voi

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    01 Febbraio 2013 - 21:09

    Bersani e il suo partitaccio fanno proprio schifo. Mi domando chi, sano di mente, potrebbe mai votare quella roba lì...quella sfiga ambulante col sigaro e la faccia da iettatore. Appena inizia a parlare si toccano tutti...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    01 Febbraio 2013 - 21:09

    Ti meriti che Renzi tiri la volata a Berlusconi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog