Cerca

Corsi e ricorsi storici

Matteo Salvini come Silvio Berlusconi: la sinistra ha bisogno di un nemico

Matteo Salvini come Silvio Berlusconi: la sinistra ha bisogno di un nemico

Matteo Salvini cerca di fare il suo lavoro: la campagna elettorale in vista dell'importante appuntamento delle elezioni regionali. Un appuntamento che sarà un importantissimo test elettorale per la Lega. Eppure al leader del Carroccio impediscono di parlare, di muoversi, di tenere comizi. Ad ogni appuntamento una contestazione. Dal mese di novembre scorso a Bologna, quando gli fu impedito di entrare in un campo rom fino ad oggi quando a Massa durante il comizio di Salvini i centri sociali e la variegata galassia di sinistra lo hanno contestato, è intervenuta la polizia e ci sono stati scontri pesantissimi.

Odio continuo - Ma perché Salvini è cosi odiato? I sondaggi continuano a darlo in ascesa, le elezioni in Trentino Alto Adige sono stato un successo, ma evidentemente le frange della sinistra hanno bisogno di un nemico. Per anni il bersaglio è stato Silvio Berlusconi, adesso nel mirino c'è Salvini. Attaccato, aggredito, minacciato. Esattamente come accadeva al Cavaliere qualche anno fa. Gli vogliono impedire di fare campagna elettorale, gli rendono impossibile esprimere il proprio pensiero. Ma come spesso accade in questi casi l'effetto che si ottiene è l'opposto di quello che si desidera perché ieri le immagini agghiaccianti dei manifestanti al comizio di Salvini hanno monopolizzato la giornata. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Albatross

    18 Maggio 2015 - 11:11

    Se uno suona i suoi tamburi, un altro suona le sue campane. E' l'essenza della democrazia, compagni. Se poi deve essere permesso solo ad uno di suonare, allora è dittatura (....vabbè, per individui che ancora vagheggiano di dittatura del proletariato....). Le idee, condivisibili o meno, vanno combattute con altre idee, con altre proposte (se se ne hanno, ovvio).

    Report

    Rispondi

  • zolca03

    17 Maggio 2015 - 21:09

    Un partito che è nato e vissuto nell'odio di classe , cambiate le condizioni sociali adesso manifesta il suo odio contro qualcuno che può rappresentare un pericolo per la sua egemonia.

    Report

    Rispondi

  • gianc46

    gianc46

    17 Maggio 2015 - 10:10

    Ormai che Berlusconi non fa più paura,devono ben trovare un'altro nemico,altrimenti che ci stanno a fare i centri sociali! (chissà poi perchè si chiamino così devono ancopra spiegarlo )

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    17 Maggio 2015 - 10:10

    Quello contro Salvini non è odio 'rosso' ma odio italiano contro un antitaliano (ricordate i tricolori strappati ed altre amenità di matrice antinazionale...?). Raccogliere quello che si semina mi sembra un esito proficuo, e quindi stia tranquillo. Se poi è diventato pure tanto fascista da smuovere i rossi, tocca risolvere l'equazione a coloro che l'hanno impostata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog