Cerca

Secessione in vista

La pasionaria dell'Alto Adige:
"Con Grillo il Trentino lascia l'Italia"

Eva Klotz, leader del partito autonomista del Sud Tirolo attacca il M5S: "Tutto l’Alto Adige che deve staccarsi dell’Italia finché ciò sarà possibile con mezzi democratici"

La pasionaria dell'Alto Adige:
"Con Grillo il Trentino lascia l'Italia"

In Trentino Alto Adige Beppe Grillo non gode di molte simpatie. A puntare il dito contro il leader del Movimento Cinque Stelle è la pasionaria del Sudtirolo Eva Klotz : "Con lui temo una dittatura, meglio abbandonare l’Italia”. Insomma per colpa di Grillo potremmo perdere il Trentino. La Klotz è determinata: "Tutto l’Alto Adige che deve staccarsi dell’Italia finché ciò sarà possibile con mezzi democratici”. E aggiunge: “Dopo le ultime affermazioni di Grillo temo infatti la nascita di una sorta di dittatura, ovvero di uno Stato pseudo-democratico guidato da un uomo forte, oppure di un’Italia in disgregazione fuori dall’Europa”. La guerra al Grillo della Klotz è un pò a scoppio ritardato. Solo qualche giorno fa aveva detto: "Stimo Grillo. A Bolzano ha sostenuto che il Sudtirolo non è Italia, come diciamo noi, e che condivide che i sudtirolesi non debbano essere trattati da italiani”.

Referendum per secessione -
Ora ha cambiato idea ed è determinata a portare avanti le sue idee: "La mia missione, l’autodeterminazione dell’Alto Adige, non è ancora compiuta. Vedo il mio impegno politico come servizio per la mia heimat (vale a dire la patria, la casa paterna, ndr.). Fin quando Dio mi darà la forza, mi batterò per questa libertà”. Per la Klotz non c'è tempo da perdere: "Dopo le ultime affermazioni di Grillo che sogna il 100% e che non esclude che la gente possa scendere nelle strade”. ”Grillo – ammette – all’inizio mi pareva simpatico, ma alcune delle sue battute sono inaccettabili e pericolosissime. La storia ci insegna che spesso queste tendenze vengono sottovalutate. E’ solo un comico, si dice anche oggi, ma non è così ”. Klotz non ha alcun dubbio: ”Dobbiamo staccarci dall’Italia al più presto. Per questo il suo partito, Suedtiroler Freiheit, organizzerà quest’autunno una sorta di referendum autogestito per l’autodeterminazione". Auf wiedersehen.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • onollov35

    20 Novembre 2014 - 16:04

    Il territorio rimane Italiano eloro possono andare dove vogliono. L'Italia è una e indivisibile, cara austriacante.

    Report

    Rispondi

  • spiders

    25 Settembre 2013 - 22:10

    il tirolo del sud è Italia e basta. Eliminare le regioni a statuto speciale perché sono un pozzo senza fondo ,i tedeschi vadano in austria la patria di uno che amava cucinare al forno.I Reti primo popolo di quelle parti erano etruschi eva klotz vada a quel paese.

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    27 Marzo 2013 - 23:11

    Quella che tu definisci "Casa loro" è tanto loro quanto mia visto che sono italiano. Non vedo perché dovrebbero toglierla a me in base a un referendum cui io non posso partecipare... mi pare che il tuo discorso sia la solita gran stronzata alla "padroni a casa nostra". Forse non si è capito che le regioni non sono un entità identificativa di chissà quali popoli o razze, ma entità puramente amministrative. E i soliti sempliciotti continuano a cadere nel tranello offerto dai politici di turno... trentino libero, padania o macroregione di sto c.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    27 Marzo 2013 - 14:02

    mai sentito parlare di una cosuccia che si chiama prima guerra mondiale? Ci sono stati anche più piccoli che funzionano a meraviglia , come no , vedi Cipro.Senza i soldi nostri versati dallo Stato per la regione a statuto speciale ,vorrei vedere che fine farebbe il loro benessere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog