Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Feltri: "Matteo Renzi, i suoi nemici godono. Stesso odio che colpì Craxi, Andreotti e Berlusconi"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

"Ma quanto godono i numerosi nemici di Renzi per le sue disgrazie di famiglia". Vittorio Feltri, con un post su Twitter, commenta così il caso dell'arresto ai domiciliari dei genitori di Matteo Renzi avvenuto ieri 18 febbraio. "Si estende l'odio che colpì Craxi, Andreotti e Berlusconi", conclude il direttore di Libero.  "Chiedo che i processi si facciano nella aule dei tribunali e non sul web o nelle redazioni dei giornali", ha sbottato l'ex premier del Pd. "Noi aspettiamo le sentenze, ma le sentenze si pronunciano in tribunale e non nelle piazze populiste". Leggi anche: La finta coop e i pagamenti fantasma agli immigrati. Così babbo e mamma Renzi "guadagnavano di più" Anche Myrta Merlino sempre su Twitter aveva commentato: "Salvini, Renzi e la magistratura: chi pensava che l'intreccio malato tra politica e giustizia fosse un ricordo del passato si sbagliava di grosso". Poi, la conduttrice de L'aria che tira aveva concluso amara: "E all'orizzonte non si vede alcun cambiamento".

Dai blog