Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

F1: Alonso, potevo essere quarto e bandiere gialle fatali

default_image

  • a
  • a
  • a

Suzuka, 6 ott. - (Adnkronos) - "Potevo essere quarto, siamo stati sfortunati". Fernando Alonso mastica amaro dopo le qualifiche del Gp del Giappone. Il pilota spagnolo della Ferrari ha ottenuto il settimo tempo nella sessione condizionata, nel finale, dall'uscita di pista della Lotus di Kimi Raikkonen. L'errore del finlandese ha provocato l'esposizione delle bandiere gialle e, di fatto, ha impedito ad Alonso di spingere al massimo. "L'errore di Kimi mi e' costato caro", dice l'iberico. La griglia di partenza, in realta', potrebbe essere rivoluzionata: alcuni piloti non avrebbero rispettato la segnalazione dei commissari e potrebbero essere penalizzati. Di certo, per ora, c'e' solo la retrocessione di Jenson Button: il pilota inglese della McLaren-Mercedes, terzo nelle qualifiche, scattera' dall'ottava piazza e automaticamente spalanca ad Alonso le porte della terza fila. "Qualcuno -dice Alonso- sostiene che siamo fortunati. Oggi di sicuro non e' andata cosi', speriamo che le cose vadano meglio domani". Le Red Bull, che monopolizzano la prima fila, sembrano imprendibili. Il tedesco Sebastian Vettel, secondo nel Mondiale a 29 punti dal ferrarista, scatta dalla pole. "Siamo a 8 decimi dalle Red Bull, dobbiamo continuare a puntare sull'affidabilita' che finora ci ha consentito di realizzare questo piccolo miracolo", afferma l'asturiano, che domani dovra' guardarsi anche dalle McLaren. "Partono dietro di me -osserva- ma in gara avranno un ottimo passo".

Dai blog