Cerca

Il ricercatore ucciso al Cairo

Lettera anonima all'ambasciata italiana: Regeni coinvolto in traffico di reperti archeologici

Lettera anonima all'ambasciata italiana: Regeni coinvolto in traffico di reperti archeologici

Depistaggi, false informazioni, ammissioni e smentite. C'è stato di tutto nella tristissima vicenda della morte al Cairo di Giulio Regeni. E ora pure una lettera anonima. E' quella che è arrivata nelle scorse ore presso l'ambasciata d'Italia nella capitale egiziana. C'è scritto, in quella lettera, che il ricercatore italiano scomparso e poi trovato morto era coinvolto in un traffico di reperti archeologici e che, dunque, sarebbe stato ucciso in relazione a questa sua attività illecita. Secondo gli inquirenti italiani, che precisano di non voler dare comunque seguito a segnalazioni anonime, il contenuto della lettera sarebbe privo di fondamento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    01 Aprile 2016 - 14:02

    Ma non fanno prima a fare delle scuse formali ? Che e' stato trattato come tutti quegli egiziani che lottano troppo per i diritti umani e che fanno troppe domande ? Pensavano che sapesse cose che non sapeva , ma non gli hanno creduto.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    31 Marzo 2016 - 14:02

    L'Egitto è un Paese che attraversa un momento di convulsioni di ogni tipo, ed in Egitto esistono istituzioni e gruppi di ogni fede che definire poco raccomandabili è appena un eufemismo. Ciò detto, resta l'impudenza di non chiamare la vittima con il suo vero nome: un attivista del Manifesto, che si è infilato da solo in gioco mortale.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    31 Marzo 2016 - 09:09

    Tutte balle per nacondere la realta'. Mi dispiace per questo povero ragazzo che, se non fosse andato a mettere il naso in casa d'altri, sarebbe ancora vivo e vegeto.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    31 Marzo 2016 - 08:08

    Per i genitori di Regeni sento odor di candidatura al Parlamento. Come per la vedova Calipari e per la madre di Carlo Giuliani. In Italia le fortune politiche si costruiscono anche sulla pelle dei familiari morti ammazzati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog