Cerca

La rivelazione

Feltri: "Dreyfus? Era Farina"
E attacca pure il Cav

Feltri: "Dreyfus? Era Farina"
E attacca pure il Cav

   "Dreyfus era Renato Farina. Bastava che chi ha indagato me lo chiedesse. Glielo avrei detto». È il giornalista Vittorio Feltri, fondatore di Libero a rivelare al talk show “Porta a Porta”, condotto da Bruno Vespa, l’identità dell’autore dell’articolo che è costato ad Alessandro Sallusti una condanna per diffamazione aggravata". Bene, avevo sperato che avesse lui il coraggio di farsi avanti. Adesso questo nome voglio farlo io, lo fanno molti. Ma è bene che sia conosciuto da tutti: si tratta di Renato Farina», ha detto polemicamente Feltri. L'editoralista de Il Giornale la prende con i magistrati "che si sono limitati ad applicare la legge in vigore". Semmai, accusa il Parlamento che non ha mai cambiato la legge e infine chiama in causa anche Silvio Berlusconi: «Aveva promesso una modifica, ma non ha mantenuto la promessa».  La colpa è soprattutto di Silvio  Berlusconi. Di questa legge parlai con lui nel 2001, dissi che andava   eliminata. E’ giusto che i giornalisti paghino ma in linea civile,  come avviene in tutta Europa. Il Cavaliere mi giurò che avrebbe   provveduto, perché comprendeva l’importanza della cosa, ma sono   passati dieci anni e niente è accaduto. Il centrodestra - conclud e-   non è riuscito neppure a tirare un rigo sul codice penale per   eliminare questo obbrobrio. E niente ha fatto il centrosinistra   prima...”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    27 Settembre 2012 - 20:08

    quello che Lei ha letto , l'ha detto chiaro e tondo lo stesso Sallusti in tv.No comment .Trarre le debite conclusioni.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Settembre 2012 - 16:04

    Scusa l'obbrobrio lessico,ma vado di fretta.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Settembre 2012 - 14:02

    Non hai capito male assolutamente,ma quello che molti non hanno ben compreso è come sono state fatte le indagini.Il pseudonimo lo conoscevano cani e porci,solo che chi ha scritto l'articolo è protetto dall'immunità parlamentare.Quindi si è sterzato per colpire il bersaglio facile.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Settembre 2012 - 14:02

    Leggi bene tu bepper,dice solo che le pene sono aumentate.La madre e il padre,quelli che aveva la potestà sulla ragazza,erano ricorsi al giudice perchè la volessero fare abortire,mentre la ragazzina era fortemente contraria.Non provarci nemmeno a rigirare la frittata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog