Cerca

Morte sotto i ferri? Più facile che accada nei piccoli ospedali

L'inchiesta del "The Guardian" denuncia una mancanza di trasparenza dei medici

Morte sotto i ferri? Più facile che accada nei piccoli ospedali
Come scegliere l’ospedale dove farsi operare? Semplice: preferendo le grandi strutture a quelle piccole. Ma non sempre i cittadini sono messi nelle condizioni di poterlo fare.  Questa è la conclusione dell’inchiesta del quotidiano britannico “The Guardian”.

L'inchiesta si concentra, in particolare, sulla chirurgia vascolare e sulle operazioni programmate, mostrando una sensibile variazione nella percentuale dei pazienti morti nei vari ospedali del Regno e un "inaccettabile" tasso di mortalità in alcune strutture, che varia da meno di un morto ogni 50 a più di uno su 10. Dati che darebbero così ragione al Governo, intenzionato a chiudere i piccoli ospedali del Regno, dove il tasso di mortalità è sensibilmente più alto. Le statistiche ottenute da
“The Guardian” su 116 strutture, però, sono in disaccordo con quelle raccolte dal Servizio sanitario nazionale (Nhs) e consultabili sul suo sito internet.

Il
“The Guardian” denuncia la mancanza di trasparenza da parte dei medici, che né rendono noti né raccolgono i dati concernenti i loro pazienti e le operazioni effettuate, che permetterebbero ai cittadini di scegliere gli ospedali dove il rischio di morte è minore. La media nazionale di decessi durante le operazioni compiute per aneurisma dell’aorta addominale, prese a esempio, è di poco superiore al 4%. L’ospedale con il tasso di mortalità più alto è quello di Scarborough, nello Yorkshire, dove è morto il 29% dei pazienti finiti sotto i ferri tra il 2006 e il 2008. La struttura ha reso noto di non praticare più quel tipo di intervento.

Sorge spontanea la domanda. Ma da cosa dipende il tasso così variabile di mortalità? Secondo molti chirurghi, dal numero di operazioni effettuate: le capacità di un medico e di un ospedale aumentano con la pratica. Per ottenere i migliori risultati, è il loro parere, un ospedale avrebbe bisogno di praticare almeno 50 operazioni all’anno dello stesso tipo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    14 Giugno 2010 - 17:05

    Le responsabilità della valenza dei medici chirurghi nell'esercizio delle loro funzioni nasce dalla serietà degli Atenei o Cliniche Universitarie dalle quali sono stati addottorati. Gli esami di addottorato non devono vedere in faccia nessuno,nemmeno i figli o i germani dei potenti Cattedratici, se no n si è più che bravi,bocciateli. E' meglio essere un ottimo idraulico o muratore che un cattivo medico o avvocato. - Se si applicassero delle ferree leggi, difficilmente nei piccoli ospedali di provincia vi sarebbe un chirurgo inferiore ad altri di altre ASL.

    Report

    Rispondi

blog