Cerca

La rivelazione di Orlando

Orlando: "Il Pd ha chiesto desistenza alla lista Ingroia"

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia

Una bomba che rivela tutta la bassezza e la paura del Partito Democratico. Paura di perdere - ancora -, ovviamente. E la bomba la sgancia il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: "Dario Franceschini mi ha contattato questa mattina a nome del Pd e mi ha proposto un accordo di desistenza, cioè mi ha chiesto di non presentare le nostre liste in regioni chiave quali la Sicilia, la Campania e la Lombardia - ha spiegato -. Credo siano molto preoccupato per la continua crescita della nostra Rivoluzione civile".

Regioni in bilico - Il movimento di Ingroia, secondo i sondaggisti, è accreditato di un risultato tra il 3 e il 6 per cento. Numeri fondamentali per Pier Luigi Bersani e compagni, terrorizzati dalla sempre più probabile ipotesi di un pareggio al Senato: il Pdl, infatti, sarebbe avanti in Lombardia di 4 punti, e senza la Regione del Nord avere la maggioranza a Palazzo Madama è impresa pressochè impossibile. Quindi il Pd ha provato a giocare sporco, chiedendo a Ingroia di non presentarsi nelle regioni più importanti e ballerine, nella speranza che i voti per il pm prezzemolino, in automatico, finissero a Bersani.

La smentita di Franceschini - Da par suo, il capogruppo alla Camera dei democrat, Dario Franceschini, ha negato: "Nessuna proposta di patto e nessuna desistenza. Le cose che ho detto a Orlando sono le stesse che ho detto pubblicamente in due interviste questa mattina. Mi pare fin troppo evidente come non vi sia alcun spazio per una qualsiasi forma di accordo politico con la Lista Ingroia, anche per rispetto delle legittime ma profondamente diverse posizioni politiche tra noi e loro". Quindi la mezza ammissione: "Ho fatto una semplice constatazione aritmetica più che politica per come è fatta la legge elettorale al Senato, nelle regioni in bilico, come Lombardia, Sicilia e Campania, la presenza della Lista Ingroia rischia di far vincere la destra, rendendo il Senato ingovernabile. Tutto qui. Nessuna proposta di patto o desistenze", garantisce Franceschini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • hilander

    15 Gennaio 2013 - 14:02

    Inciucci, magistrati,pubblica istruzione,carta stampata,presidenti della repubblica, traditori,manca soltanto la bomba atomica così vinceranno

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    15 Gennaio 2013 - 09:09

    si tratta del solito fair play elettorale. lo ripeto. votare votare votare. ma solo due candidati, a destra o a sinistra. la alternativa è un governo che non governa e ha l'alibi di dare sempre la colpa al socio, magari piccolo, ma socio.

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    15 Gennaio 2013 - 08:08

    elettorali.In materia,La sinistra ha una esperienza cinquantennale.

    Report

    Rispondi

  • xxxxxxxxxxxxxxx

    14 Gennaio 2013 - 21:09

    sarà un mio giudizio o pare che stia copiando gli spot elettorali di Berlusconi "modificare l'imu,abbassare la pressione fiscale e tutto ciò che aveva attivato come tecnico,sulla stessa linea si trova anche il Bersani,non è per caso che quello che dice da più tempo BERLUSCONI è verità sacrosanta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog