Cerca

La confessione

Il magistrato Piero Tony a il Foglio: "Così le toghe volevano fregare Berlusconi"

Il magistrato Piero Tony a il Foglio: "Così le toghe volevano fregare Berlusconi"

Dopo la sentenza nel processo Ruby, c'è delusione tra le stanze della procura di Milano. La sconfitta è devastante. In un solo colpo sono cadute tutte le accuse della Boccassini e soprattutto delle toghe rosse che hanno infilzato l'ex premier sul caso Ruby. Sono tanti i processi polticizzati che in questi anni ha dovuto subire il Cav. Indizi ad hoc, intercettazioni usate in modo improprio, il tutto per abbattere un nemico politico. A smascherare le toghe ci pensa un collega, Piero Tony, ex procuratore capo di Prato che in una lunga intervista a il Foglio spiega come certe inchieste vengano pilotate dagli stessi pm. "Il processo non è più un semplice processo ma è una gogna, a volte una vergogna, e chi ha coscienza del suo lavoro sa come funziona, sa i giochi che si fanno con gli imputati e sa come si usano le intercettazioni, le carte, gli spifferi, le indagini, gli arresti. Beh, io dico no. E lo dico da sinistra. Lo dico da militante di una corrente di sinistra. Lo dico dopo aver girato mezza Italia. E lo dico dopo trent'anni di carriera. La giustizia, purtroppo, in Italia non sempre funziona come dovrebbe funzionare. Sarebbe bello, sarebbe un sogno, dire che è solo un problema di riforme, di scelte del governo, di leggi fatte e di leggi non fatte. C'è anche quello, sì, ma il problema è nostro, prima di tutto, e fino a quando non cambieremo noi non sarà possibile cambiare nulla".

Gli eccessi delle toghe - Poi fa un salto nel passato: "La verità è questa, è dagli anni Settanta che i magistrati vivono con il cautelare, lo usano in modo discrezionale, con molti eccessi, e lo usano come se fosse un modo per determinare la certezza della pena. Il ragionamento è logico: non so come andrà a finire questo processo ma per far sì che il mio indagato possa avere una punizione intanto lo metto dentro. Non è sempre così, ovvio, ma la storia ci insegna che questo metodo è andato a peggiorare nel corso del tempo con l'affermazione di quello che potrei definire senza problemi il processo mediatico. E oggi, quando si parla di processo passato in giudicato, si intende sostanzialmente questo: una misura cautelare amplificata dal processo portato avanti dalla stampa. Il giudicato, anche grazie al fatto che ci sono spesso magistrati che portano avanti processi che sanno già in partenza che cadranno in prescrizione, coincide ormai con la pena generata dalla gogna mediatica. Ed essendo diventato il processo mediatico una costola del processo tradizionale è ovvio che esistano molti magistrati che giocano spesso con gli amici giornalisti per amplificare gli effetti generati dal processo".

Le indagini - A questo punto Tony parla delle indagini e dei castelli di sabbia messi in piedi dai magistrati: "Troppo spesso si va avanti a forza di gomitate, di forzature, e spesso succede che un magistrato si innamori così tanto del suo teorema da non voler accorgersi di tutti gli elementi che quel teorema lo contraddicono. E da questo punto di vista le intercettazioni, il modo in cui sono state utilizzate in questi anni, il modo in cui sono diventate un ingrediente importante del processo mediatico, hanno svolto un ruolo chiave nel rafforzare i teoremi dei magistrati, facendogli perdere qualche volta contatto con la realtà". Quello dell'uso delle intercettazioni è un tema caldo e Tony chiarisce alcuni aspetti sull'uso di questo strumento d'indagine: "L'eccessiva disinvoltura con cui vengono inserite le intercettazioni nei fascicoli è spesso l'indice di una difficoltà con cui gli inquirenti gestiscono un'indagine. (...) È il metodo copia-incolla. Tu ricevi dodicimila pagine di intercettazioni, le inserisci nella richiesta di custodia cautelare, poi te le ritrovi nell'ordinanza del gip e anche se alcune intercettazioni non hanno alcun rilievo penale hai la certezza che grazie al metodo copia-incolla rimarrà tutto lì. A ingrossare il fascicolo e a regalare qualche ottimo bignè ai giornalisti".

La politica tra le toghe - Poi il magistrato parla di una magistratura che ha colori e bandiere della politica: "È una tautologia dire che la magistratura sia politicizzata. Non si tratta di un'opinione ma si tratta di un dato di fatto. Esistono le correnti. Esistono i magistrati che professano in tutti i modi il loro credo politico. Esistono grandi istituzioni, come il Csm, dove si fa carriera soprattutto per meriti politici. (...) Viene quasi da sorridere. Per quale ragione un magistrato non può essere iscritto a un partito e può invece far parte di un prodotto del pantografo, ovvero di una corrente, che di fatto è configurata come un partito? Perché ci prendiamo in giro così?"  E ancora: "Posso dire senza paura di essere smentito che se Berlusconi non fosse entrato in politica non avrebbe ricevuto tutte le attenzioni giudiziarie che ha ricevuto. E anche sul processo Ruby, che in linea teorica dovrebbe essere un ordinario processo di concussione e prostituzione minorile, è evidente che l'ex presidente del Consiglio ha avuto un trattamento speciale". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • abarlo2002

    21 Luglio 2014 - 17:05

    Non mi stupisco affatto di ciò che dice il giudice Tony: è talmente evidente che bisogna essere ciechi od in malafede per non vederlo. Ma c'è una soluzione: cancellare il nostro sistema in toto e sostituirlo con quello anglosassone. Anche le riforme proposte da Forza Italia non sono sufficienti. Perché con la "colleganza" tra magistrati non cambierà nulla! Andrea Barattolo

    Report

    Rispondi

  • abarlo2002

    21 Luglio 2014 - 17:05

    Non mi stupisco affatto di ciò che dice il giudice Tony: è talmente evidente che bisogna essere ciechi od in malafede per non vederlo. Ma c'è una soluzione: cancellare il nostro sistema in toto e sostituirlo con quello anglosassone. Anche le riforme proposte da Forza Italia non sono sufficienti. Perché con la "colleganza" tra magistrati non cambierà nulla! Andrea Barattolo

    Report

    Rispondi

  • abarlo2002

    21 Luglio 2014 - 17:05

    Non mi stupisco affatto di ciò che dice il giudice Tony: è talmente evidente che bisogna essere ciechi od in malafede per non vederlo. Ma c'è una soluzione: cancellare il nostro sistema in toto e sostituirlo con quello anglosassone. Anche le riforme proposte da Forza Italia non sono sufficienti. Perché con la "colleganza" tra magistrati non cambierà nulla! Andrea Barattolo

    Report

    Rispondi

  • maurizio1960

    20 Luglio 2014 - 11:11

    dopo l'assoluzione del Berlusca, il Fatto Quotidiano è andato in tilt.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog