Cerca

Casta infinita

Crocetta è il "Paperone" d'Italia:
guadagna 330 mila euro all'anno,
molto più di Barack Obama

E' tra i governatori più pagati del Paese. Ma a gravare sulle casse siciliane è l'intero costo della sua giunta: 2 milioni di euro contro i 400 mila di quella lombarda

Rosario Crocetta

Rosario Crocetta

La lotta ai costi della politica si ferma sullo stretto di Messina. In Sicilia i "Paperoni" della politica continuano a riempire le loro tasche. Uno dei "ricconi" dell'Isola è proprio il governatore Rosario Crocetta. Dalla Regione siciliana Crocetta percepisce per il proprio incarico 81 mila euro lordi (il 10 per cento in meno rispetto allo scorso anno). A questa cifra vanno sommati altri 230 mila che il governatore riceve da Palazzo dei Normanni, sede del Parlamento regionale, come deputato. Il totale, come racconta l'Espresso, è da capogiro: 311 mila euro lordi all'anno. Molto di più del lombardo Roberto Maroni, che percepisce per i due incarichi di presidente della Giunta e di consigliere regionale 208 mila euro lordi all'anno, e del toscano Enrico Rossi, 154 mila euro. Crocetta è tra i politici più pagati d'Italia. 

Più di Obama - Ma anche del mondo. Il suo stipendio è superiore a quello percepito dall'inquilino della Casa Bianca. Barack Obama percepisce un'indennità di 400 mila dollari, ma ha rinunciato al 5 per cento, per cui il suo stipendio annuo è di 380 mila dollari: che corrispondono a circa 287 mila euro. Ben lontano dai 331 mila euro del governatore siciliano. Ma a pesare sulle casse siciliane non è solo l'indennità di Crocetta, ma l'intera giunta del governatore. La giunta regionale siciliana costa, per le indennità dei propri componenti, cinque volte quella della Lombardia. Confrontando il bilancio 2013 della Regione siciliana con quello della Lombardia, infatti, emerge che Rosario Crocetta e i suoi assessori costano 2 milioni 331 mila euro all'anno, contro i 442 mila del Pirellone. Insomma della lotta ai costi della politica e delle promesse di tagli alle indennità fatte da Crocetta durante la campagna elettorale non resta che una cifra: 331 mila euro. Obama chiederà di sicuro un'adeguamento della sua indennità? (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    21 Agosto 2013 - 13:01

    Questo paese rimarrà al palo finche ci saranno i Crocetta e gli Esposito. Purtroppo le AMM. dello stato ne sono stracolme.

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    21 Agosto 2013 - 11:11

    Magna ti che magno mi.. intanto magna magna... sono tutti dei magna magna . . abassiamo gli stipendi dei manager, assesori e vediamo se troviamo altri disposti a fare lo stesso lavoro per meno . . sono sicuro che troviamo qualcuno, fra laureati e persone in gamba che cercano un lavoro, vuoi vedere che troviamo qualcuno che magna de meno . . abassa i magna magna . . sono loro la rovina dell'Italia . . via i magna magna.. magna ti che magno mi intanto roviniamo tutto am chi se ne frega . . magna magna magna

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    21 Agosto 2013 - 11:11

    mortificano e portando allo sfinimento tutta quella classe che,a causa degli aumenti,finirà col rovistare nel bidone della spazzatura: e ciò non è giusto.Bisogna correggere assolutamente questo sistema adeguando le PREBENDE e non solo queste,ma tante e tante che si sperdono nei meandri oscuri dei mille enti inutili.Si finirà alla rivoluzione francese?

    Report

    Rispondi

  • gilucas

    21 Agosto 2013 - 09:09

    Crocetta interpreta con coerenza la migliore tradizione siculo-politica: derubare.

    Report

    Rispondi

blog