Cerca

Furia strumentale

Epifani: "Berlusconi è un irresponsabile"

Il segretario attacca dopo il video. Ma il primo a tifare per la fine delle larghe intese è lui: vuole mettere Renzi ko

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Sivio Berlusconi si difende con un videomessaggio e per Guglielmo Epifani è "un irresponsabile". La sinistra anti-Cav serra i ranghi e aspetta una buona occasione per far saltare il governo e la poltrona di Enrico Letta. Il segretario del Pd critica aspramente le parole di Berlusconi, che va detto, non ha mai parlato nel suo videomessaggio di crisi di governo nè di sfiducia a Letta. 

"Responsabilità sue" - Per Epifani parlare di magistratura politicizzata e della nuova "Forza Italia" a quanto pare è davvero troppo. Così spara sul Cav: "Ho trovato le dichiarazioni fatte da Silvio Berlusconi sconcertanti per i toni da guerra fredda usati e offensive verso il centrosinistra". E ancora, il segretario parla di toni "che noi non ci permetteremmo mai verso il centrodestra". Sono state, ha insistito, "dichiarazioni irresponsabili mentre la crisi morde ancora". Parole, quelle di Epifani, che tradiscono la sua irrefrenabile voglia di crisi di governo, per la quale è pronto a scaricare le responsabilità sull'ex premier: "Il messaggio di Berlusconi è irresponsabile perché mentre è in corso la crisi economica getta benzina sul fuoco, ma da oggi in poi si assumerà le responsabilitaà di quello che potrà accadere al governo". 

Fare fuori Renzi - Ma, come detto, chi soffia sul fuoco della crisi è l'ex segretario della Cgil. Il suo terrore ha un nome e un cognome: Matteo Renzi. Il quadro è chiaro: più Letta resta a palazzo Chigi più tempo avrà Renzi per prendersi la segreteria del partito. Se invece ci fosse il voto anticipato, Renzi potrebbe essere messo agilmente fuori gioco nella corsa alla leadership di Largo del Nazareno. Pur (probabile) candidato premier, il sindaco non potrebbe mettere mano alla nomenklatura democratica. Così ad accelerare la crisi ci pensa Epifani, vicino ai vari Bersani e D'Alema, interessati a cristallizare la situazione. 

Toni apocalittici - Il segretario democratico continua con toni apocalittici: "Berlusconi è reticente perché il suo discorso sembra fatto da un uomo che non ha mai governato" e contiene un "assurdo messaggio di ribellione" quando "coloro che si devono ribellare sono i giovani, i disoccupati, gli operai, i pensionati, gli esodati che pagano le conseguenze di un governo che quando c'era la crisi ha portato il Paese sull'orlo del baratro". Infine, da parte di Epifani, la consueta difesa delle toghe: "Gli attacchi alla magistratura e al complesso delle istituzioni democratiche del nostro Paese sono irricevibili e non condivisibili". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    20 Settembre 2013 - 11:11

    La differenza tra Berlusconi ed Epifani ? Berlusconi, per quanto evasore come falsamente dicono i giudici comunisti, fa lavorare e crea benessere a migliaia e migliaia di famiglie.....Epifani invece, per quanto onesto, è un parassita ozioso che ha creato migliaia e migliaia di disoccupati....!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    19 Settembre 2013 - 16:04

    Aspetta il 6 di gennaio alla tua festa, solo allora potrai parlare, cioè potrai esternare le tue solite cazzate da sindacalista fallito.

    Report

    Rispondi

  • encol

    19 Settembre 2013 - 15:03

    fa il paio con quello costantemente alzato della congolese. Ma la vita a questi due non ha insegnato niente? Ieri tirò in ballo "il clima di guerra fredda" ma si è accorto che viviamo in democrazia ( forse ancora per poco) e ognuno ha il diritto di dire ciò che pensa? Se non gli piace vada in Siberia di certo nessuno lo fermerebbe e, per noi cittadini e lavoratori VERI non alla Epifani sarebbe anche tanto di risparmiato.

    Report

    Rispondi

  • marc59

    19 Settembre 2013 - 15:03

    E' vero e sacrosanto che a ribellarsi dobbiamo essere noi giovani, i disoccupati, gli operai, i pensionati, gli esodati, ma contro di loro perchè siamo stati strumentalizzati e presi per il culo da una sinistra in cui non mi riconosco più. Ci ha abbindolato con false promesse, verità nascoste, mentre il cav. lottava contro i giudici corrotti loro sguazzavano nella melma putrida.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog