Cerca

SALTA L'UFFICIO DI PRESIDENZA

Berlusconi, Pdl, annullato l'Ufficio di Presidenza

Silvio Berlusconi e Denis Verdini

Silvio e Denis, le lacrime al Senato

"Mi trovo qui per compiere una scelta che non avrei mai pensato di compiere. Non aderire a Forza Italia. Questa mia scelta nasce dal fatto che queste settimane mi hanno dato la riprova di quanto abbiano prevalso le forze piu' estreme all'interno del nostro movimento politico. Faremo gruppi distini in Parlamento". Angelino Alfano è chiaro: nessuna pace. Ormai è guerra aperta. Dopo il messaggio di Silvio Berlusconi ai parlametari Pdl che richiamava all'unità del partito ma che dava pure il via libera "a chi non si riconosce nei valori di Forza Italia", pare essere caduto nel vuoto. La spaccatura è insanabile. E a testimoniare lo scenario di scissione che si annuncia  per il Consiglio Nazionale di domani è l'annullamento dell'ultimo Ufficio di Presidenza convocato dal Cav per questa sera. Berlusconi dopo aver incontrato Angelino Alfano e Maurizio Lupi, ha incontrato in separata sede i lealisti di Raffaele Fitto. Il Cav voleva riunire le due parti davanti a un tavolo per cercare una mediazione.


Saltato l'Ufficio di presidenza -  Berlusconi, secondo alcune fonti del Pdl, era disposto anche a cambiare il documento che presenterà al Congresso di domani cercando di scindere la vicenda della sua decadenza da senatore da quella del governo. Ma a quanto pare la trattativa in extremis è saltata. I lealisti del Pdl hanno riferito al Cavaliere di non essere disposti a 'riaprire' la partita. Fonti parlamentari del Pdl riferiscono che l'ex premier, dopo aver visto i ministri, ha incontrato in un'altra sala i lealisti per poi convincersi che non e' possibile alcun accordo. A questo punto i governativi, sottolinea una colomba del Pdl, sono pronti a costituire i gruppi autonomi. Così adesso si va verso una spaccatura definitiva.

"Ora siamo spaccati" -
"L' Ufficio di Presidenza Pdl stasera non si terrà. I falchi hanno impedito a Berlusconi qs ultimo tentativo di mediazione.Hanno voluto rottura", commenta Roberto Formigoni su twitter. Maurizio Gasparri aveva già fiutato il rischio della spaccatura: "Il rischio scissione esiste. Confido che le ragioni della coesione prevalgano, ma il clima e' molto teso e molto confuso. Dovremmo dare ascolto alle parole di Berlusconi che nel pomeriggio ha detto: come fanno ad unirsi a noi gli italiani se noi ci separiamo? Non e' meglio mantenere la dialettica all'interno di un partito, senza ultimatum? Poi valuteremo quando la decadenza sara' votata. Andiamo ai contenuti e cerchiamo di reagire a questo clima da ultima spiaggia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geompiniliberoi

    16 Novembre 2013 - 07:07

    adesso sono sicuri che per molti anni ancora loro hanno il potere in mano, a tutti i livelli .I traditori un posto lo troveranno e CL anche appalti come al solito noi elettori non contiamo niente ,dobbiamo solo pagare e tacere

    Report

    Rispondi

  • secessionista

    16 Novembre 2013 - 06:06

    angelino è un democristiano e come tutti i democristiani rimasti ha la faccia come il culo di un cane da caccia

    Report

    Rispondi

  • lallalalla

    16 Novembre 2013 - 02:02

    Siamo sempre ingiuriati, e da che feccia! Dopo i traditori di Silvio ai prodomi del governo Monti filotedesco/mafioso, eccoci degli altri traditori che si spacciano per politici alla vigilia del trappolone creato appositamente per punire Silvio. La causa di tuttoquesto non è nella loro mente, si tratta dei soliti trenta denari raccimolati.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Novembre 2013 - 00:12

    Come si fa ad essere contro i piccioni, pardon, le colombe, chiamarsi falchi e definirsi moderati? Silvio spiegacelo tu, se domattina non hai cambiato opinione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog