Cerca

Gasparri

Scrive ai vigili: "Toglietemi le multe, non ho tempo per rinnovare il pass"

Il ricorso contro le contravvenzioni prese a Roma presentato su carta intestata del Senato

18 Giugno 2012

48
Maurizio Gasparri

"Io sottoscritto Sen. Maurizio Gasparri, Presidente del Gruppo Parlamentare ‘Il Popolo della Libertà’ presso il Senato della Repubblica...”. Inizia così la lettera scritta dall'onorevole azzurro, datata 22 marzo 2012, e spedita all'Ufficio Contravvezioni del Comune di Roma. Al centro della missiva una Mercedes Classe A intestata ad Amina Fiorillo, la moeglie del senatore. La famiglia Gasparri abita nel centro storico della capitale, e ha preso diverse multe poiché hanno scordato di rinnovare il pass per la zona a traffico limitato. E così Gasparri ha preso carta e penna per chiedere l'archiviazione dei verbali e per far valere il suo diritto di residente autorizzato. Il punto è che il senatore non ha voluto agire come cittadino qualsiasi ma ha scritto ai vigili su carta intestata di Palazzo Madama, precisando che "l'autovettura oggetto della contravvenzione era temporaneamente sprovvista dell'autorizzazione al transito, che non mi è stato possibile rinnovare tempestivamente a causa di continui e ripetuti impegni in diverse parti d'ITalia correlati al mio mandato istituzionale". 

La difesa del Senatore - Interpellato telefonicamente dal Fatto Quotidiano, Gasparri si è difeso e spiega come è andata la vicenda: "Sono residente in centro storico, la macchina è di mia moglie, io a volte la uso a volte no: il permesso era scaduto, mi sono arrivate le multe, adesso aspetto di capire quanto e come bisogna pagare. I residenti hanno un permesso che viene rinnovato con scadenze anomale, tipo ogni tre anni, quindi non è come l’assicurazione, o il bollo… quando scade non c’è neanche un avviso al titolare. Mia moglie non l’ha rinnovato, può capitare, e quindi, in attesa di pagare...", Gasparri decide di fare ricorso. Finisce però nel mirino per aver utilizzato la carta intestata del Senato: "Non è questo il problema, quello che mi chiederanno di pagare pagherò , quella lettera non è tesa a procacciarsi un ingiusto vantaggio: se uno voleva fare una cosa non regolare non è che si metteva a fare una lettera, giusto no? Io sono quello che sono, mica mi devo vergognare di quello che sono né devo chiedere un privilegio per la mia posizione. Sono un senatore, uso la carta intestata, che devo fa’? Non credo che per questo faranno valutazioni di alcuna natura, guardi… la procedura è assolutamente corretta, la risposta potrà essere negativa, ci atterremo a quello che sarà”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dalton Russell

    19 Giugno 2012 - 23:11

    oltre ad avere usato impropriamente la carta intestata e di fatto dimostrando che, quando si parla di casta, non è poi così populista, Lei dimostra inconfutabilmente di essere un enorme cojones.E mi creda, definirla tale mi costa quasi un immane sforzo ma solo perchè, mi appare più come un complimento che un epiteto.Immenso idiota, se non hai tempo, trovalo e trova anche quello per andartene affanc.....lo. Con immutata stima. DALTON RUSSELL.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    19 Giugno 2012 - 23:11

    Possibile che un TRANS possa frequentare Gasparri?! Dai, non ci credo: i TRANS sono trans, mica pirla !!!

    Report

    Rispondi

  • abbassoiservisciocchi

    19 Giugno 2012 - 20:08

    Mi chiedo come sia possibile che un essere così inutile, spregevole, frequentatore di TRANSESSUALI e che per quanto è stupido andrebbe studiato in laboratorio ecco che uno schifo del genere andrebbe cacciato a pedate nel c**lo!!!!!!! CACCIATE DAL PDL QUESTO SCHIFOSO VERME CHIAMATO "CHIAPPETTE D'ORO"!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Matteo Salvini durissimo con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"

Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis
Nicola Zingaretti, appello al M5s: "Non dobbiamo aver paura di allargare la coalizione alle regionali"

media