Cerca

Panico Ue

Germania in stagnazione. Dal tesoretto non usato ai tassi bassi, perché Angela Merkel può inguaiare l'Europa

Germania in stagnazione. Dal tesoretto non usato ai tassi bassi, perché Angela Merkel può inguaiare l'Europa

La legge del rigore rischia di fare danni anche in Germania. La locomotiva d'Europa, l'economia trainante di tutta l'Unione europea, l'unica uscita indenne e anzi rafforzata dalla tremenda crisi di questi ultimi anni, sta frenando: la parola stagnazione non è più previsione ma realtà. Secondo le stime della Bundesbank, lo stallo della manifattura e dell'edilizia porterà è legata ai "fattori geopolitici" e alle tensioni tra Russia e Ucraina, due mercati energetici fondamentali per l'industria tedesca.

Soffre l'Italia - Il riflesso sul resto d'Europa è pesante: in Italia, per esempio, gli ordinativi rispetto ad aprile è del 2,1% e la frenata è legata non tanto al mercato interno (-0,2%) quanto a quello estero (-4,5%) che da sempre tiene in piedi la nostra economia. La situazione è chiara: le industrie italiane ricevano meno commesse dai mercati stranieri. Il motivo è che tutta l'Europa sta vivendo con il freno a mano tirato. E il guaio è che lo sta facendo anche la Germania. Nel 2015 il Pil dovrebbe crescere dell'1,7% (contro l'1,9 del 2014), mentre la produzione industriale da febbraio è in calo drastico con una progressione che lascia pochi dubbi: dal +3,7% del secondo mese dell'anno al +1,8% di marzo, +1,3% di aprile e +1,7% di maggio. In Francia, poi, va pure peggio: dal +0,5% di dicembre 2013 al catastrofico -4,2% di maggio. 

Il tesoretto che la Merkel non usa - Rigore fatale, si diceva. La beffa, infatti, è che la Germania avrebbe le risorse per rimettere in moto i propri mercati. Se dall'estero arrivano meno ordini, perché paesi come Italia, Francia, Spagna e Portogallo hanno consumi fermi, servirebbe una mano "interna", dallo Stato. Che però è vincolato dal pareggio di bilancio in Costituzione. Al momento, avverte la Bundesbank, sarebbero 13 i miliardi da poter immettere sul mercato sotto forma di spesa pubblica senza violare il pareggio. E poi c'è il tesoretto regalato da un rapporto deficit-Pil dello 0,1%, che equivale 75 miliardi di euro. Ma l'inflessibile Angela Merkel, per ora, non è decisa a intervenire in questo senso.

Il problema dei tassi bassi - L'altro tema forte che incombe sulla crisi della crescita europa è, poi, la riduzione dei tassi di interesse. Se la Bce decidesse di praticarla sul lungo periodo, la Germania si ritroverebbe ancora di più nei guai in quanto paese creditore, e non debitore. Molti tedeschi, infatti, investono in fondi complementari con i titoli di Stato esteri come forma di pensione integrativa. Il problema è che il rendimento di quei fondi è sceso dal 3 all'1%, una miseria. E se gli investitori tedeschi sono meno ricchi, il mercato interno cresce di meno. E se il mercato interno cresce meno, rallentano di botto anche le importazioni. E se le importazioni tedesche calano, a soffrire di più sono i paesi che esportano. Come l'Italia, appunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joachim

    25 Luglio 2014 - 19:07

    La politica folle di questa donna e della nazione tedesca........ condiziona pesantemente l'EU. Ora più che mai è tempo di uscire da questa egemonia. L'Italia deve liberarsi e creare la nuova moneta EUROIT ...cambio di mercato nuovo che potrebbe assestarsi al Dollaro . In questo modo avremmo un debito inferiore e una possibilità maggiore di esportare anche con costi maggiori....

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    22 Luglio 2014 - 19:07

    Bene. Speriamo che il paese delle salsicce cada in una grande depressione. Me lo auguro con tutto il cuore!

    Report

    Rispondi

  • feind_hort_mit

    22 Luglio 2014 - 15:03

    Questo articolo (pensando all'imposizione del marco ai paesi dell'U€M e alla disastrosa condizione in cui sono stati ridotti i PIIGS) mi fa rimpiangere Agamennone: "BRUCIA TROIA"... prima sarà, prima riaquisiremo la sovranità monetaria e finalmente liberi torneremo a crescere!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    22 Luglio 2014 - 13:01

    Siamo tutti nella stessa barca. Se l'Italia piange, la Germania nn ride, ma sicuramente sta meglio di noi (almeno Fintch la pensa così). Nel frattempo i dati macroeconomici del nostro paese sono semplicemente disastrosi. Il PIL continua nella sua discesa, il debito aumenta, gli ordinativi crollano, la produzione si riduce, il mercato interno è una palude. Il governo è immobile, Matteo chiacchiera!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog