Cerca

I nostri conti

Attacco hacker agli smartphone: a rischio le app bancarie

Attacco hacker agli smartphone: a rischio le app bancarie

Il conto in banca a rischio grazie al cellulare. Si moltiplicano senza sosta gli attacchi hacker agli smartphone. L'obiettivo degli hacker sono soprattutto le applicazioni bancarie.  Quelle che custodiscono i nostri soldi e con cui spesso operiamo sui nostri conti. Secondo uno studio della società di sicurezza Kaspersky Labs (in collaborazione con l'Interpol), come racconta affaritaliani, gli assalti dei pirati informatici ai sistemi del banking online tramite smartphone con sistema Android sono stati 588 mila, sei volte più rispetto a un anno fa. Dunque i dispositivi con sistema Android sarebbero quelli più esposti al rischio di attacco hacker.

Modelli a rischio - Tra agosto 2013 e luglio 2014, il 60% degli attacchi su Android sono stati progettati per carpire dati bancari o addirittura rubare denaro. Lo studio si è concentrato sul robottino verde perché è il sistema operativo installato sull'85% della telefonia mobile. La maggior parte degli utenti attaccati sono russi. Ma lo 0,34% riguarda quelli italiani. Si tratta pur sempre di 2 mila attacchi all'anno che si manifestano con l'arrivo di un semplice sms. Come difendersi? Innanzitutto proteggere i dispositivi Android con password sicure. In seguito tra le impostazioni dello smartphone non sbloccate l'opzione che consente di installare app da altre fonti che non siano riconosciute. Infine è fondamentale fornirsi di software antivirus e aggiornarli frequentemente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    24 Ottobre 2014 - 09:09

    La maggior parte degli utenti attaccati sono russi perché la maggior parte sono organizzazioni mafiose russe ad operare per rubare i dati bancari, ad esempio le frodi con false email bancarie arrivano dalla Russia, paese con il più alto tasso criminale al mondo, con connivenze politiche, ma ai Bananas e leghisti la Russia di Putin piace proprio così

    Report

    Rispondi

blog