Cerca

Dieselgate

Volkswagen, il trucco serviva per risparmiare 300 euro ad auto

Volkswagen, il trucco serviva per risparmiare 300 euro

Uno scandalo mondiale, un imbarazzo senza pari e una catena di rivelazioni che si stendono fino ad altre, famose, case automobilistiche. Il dieselgate della Volkswagen ha spiazzato la Germania e il mondo. Ma ora, secondo le più recenti rivelazioni, si è scoperto che tutto questo è successo per risparmiare. La casa di automobili faceva installare i dispositivi truccati sì, per passare i test ambientali negli Usa, ma anche, e soprattutto, per non spendere troppo. Quanto? Appena 300 euro per unità. Il trucco, fornito da un sistema Bosch, doveva far risparmiare poche centinaia di euro ai produttori. Poco importa se poi, le auto, venivano vendute per migliaia di euro ai clienti.

La politica del risparmio - La scelta di risparmiare e di eludere i test, come racconta la rivista Bild, risale al 2007 quando Wolfgang Bernhard, allora a capo della Volkswagen, provò a trovare un sistema che stesse nei parametri delle emissioni stabiliti dal governo americano. Per i modelli diesel come Passat e Tuareg però, la soluzione sarebbe costata troppo: proprio 300 euro. E in un momento di crisi Usa del settore automobilistico, Volkswagen non poteva proprio permetterselo. Lo stesso Bernhard venne poi cacciato, ma i guai rimasero.

Chi ha taciuto e chi no - E le persone che sapevano, e tacevano, sembrano essere più di quelle a cui si era pensato all'inizio della vicenda. Almeno 100 tecnici erano a conoscenza del defeat device, cioè del dispositivo truccato, che si azionava solo in caso di test ambientali. Anche se, secondo quanto riportano diverse riviste tedesche, alcuni ingegneri lanciarono molti allarmi, dal 2011, per segnalare i malfunzionamenti nel settore dei diesel. Allarmi ignorati, che hanno portato al disastro Volkswagen a cui assistiamo oggi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolinigius

    03 Ottobre 2015 - 14:02

    L'Europa, come l'Italia del resto, si sta autodistruggendo. Gli altri non fanno altro che approfittarne.

    Report

    Rispondi

  • al59ma63

    02 Ottobre 2015 - 12:12

    Compriamo italiano ma ritorniamo a fare auto come una volta!

    Report

    Rispondi

  • al59ma63

    02 Ottobre 2015 - 12:12

    Inquinanti o no ci sono piazzali parcheggi di dipendenti della FIAT pieni di queste auto straniere, poi si lamentano che non c'e' il lavoro e i figli sono costretti a stare a casa, io ho comprato un auto italiana anche se ce n'erano di piu' belle tra le straniere, forse....dipende dai gusti, ma non la cambierei per nessun altra...ragionate MADE IN ITALY ne guadagneremo tutti noi italiani.

    Report

    Rispondi

  • rutgergreen

    rutgergreen

    02 Ottobre 2015 - 09:09

    leggo ogni tanto i commenti dei lettori.....la smettero' presto. Oltre al livello da social, come la redazione puo' lasciare passare parolacce ed insulti, anche fuori luogo in certi casi. Complimenti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog