Cerca

Patrimoniale

Tra le pieghe della manovra
spunta la tassa sui risparmi:
20 euro ogni 10mila in banca

La tagliola scatta a prescindere se l'investimento o il bond acquistato abbia generato un guadagno

Tra le pieghe della manovra
spunta la tassa sui risparmi:
20 euro ogni 10mila in banca

Tra le pieghe della legge di Stabilità, la patrimoniale c'è. Seppur mini, c'è. E' spuntata nel documento approvato mercoledì dal governo delle larghe intese in tempi record. Meno di 24 ore dal "monito" del Fondo Monetario Internazionale è stato inserito nella manovra Letta un balzello sui prodotti finanziari che scatta a prescindere se l’investimento o il bond acquistato abbia generato un guadagno. L’aliquota, spiega Francesco De Dominicis su Libero in edicola oggi 17 ottobre 2013, passa dall’1,5 per mille al 2 per mille. Vuol dire che su 10mila euro di risparmi lasciati nei depositi bancari, ogni anno ne "regaliamo" 20 allo Stato attraverso le "comunicazioni delle banche relative ai prodotti finanziari".

La stangatina aggiuntiva vale, complessivamente, 900 milioni di euro. Calcolatrice alla mano, significa che il fisco si becca circa 3,6 miliardi ogni anno dai depositi e dai risparmi di famiglie e imprese. A dare il là, era stato il Governo tecnico di Mario Monti che aveva modificato le regole sul bollo in banca, trasformando l’imposta fissa pari a 34,5 euro a un prelievo "a percentuale", cioè una patrimoniale. Segno che tra professori e politici non c’è alcuna differenza.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • il leghista monzese

    18 Ottobre 2013 - 17:05

    "CARO" SPADINO, è come togliere un pelo all'orso, scrive Lei. Peccato che prima di questo pelo, tutti i S/governi degli ultimi 40 anni di questo paese ne habbiano già tolti 999.999 di peli (un certo AMATO le ricorda qualcosa?) ragion per cui l'orso inizia ad INCAZZARSI!! Saludos

    Report

    Rispondi

  • gale84u

    18 Ottobre 2013 - 16:04

    quando c'era il lavoro si tassava il lavoro, ora che si tende a delocalizzare, chiudendo chi aveva provveduto per tempo aveva predisposto il tesoretto del risparmio, ne segue che ora se non possono tassare il lavoro li vanno a prendere sul risparmio. Anziché fare la formica ai tempi, e facevo la cicala, ora lo stato non si sarebbe trovato a tassarmi, mi sarei goduto il tempo trascorso. Ora fare la formica non convenga più, tanto ti tassano. unica soluzione : prelevare i propri risparmi e trasferirsi in uno stato più (...) del Nostro, sembra di essere sotto il Grande Fratello, tra controlli su Banche Telefoni ... ed i grandi evasori che non si riescono a beccare. chissa come mai ? o sono loro stessi i Grandi Evasori ??

    Report

    Rispondi

  • gale84u

    18 Ottobre 2013 - 16:04

    quando c'era il lavoro si tassava il lavoro, ora che si tende a delocalizzare, chiudendo chi aveva provveduto per tempo aveva predisposto il tesoretto del risparmio, ne segue che ora se non possono tassare il lavoro li vanno a prendere sul risparmio. Anziché fare la formica ai tempi, e facevo la cicala, ora lo stato non si sarebbe trovato a tassarmi, mi sarei goduto il tempo trascorso. Ora fare la formica non convenga più, tanto ti tassano. unica soluzione : prelevare i propri risparmi e trasferirsi in uno stato più (...) del Nostro, sembra di essere sotto il Grande Fratello, tra controlli su Banche Telefoni ... ed i grandi evasori che non si riescono a beccare. chissa come mai ? o sono loro stessi i Grandi Evasori ??

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    18 Ottobre 2013 - 13:01

    e teniamoceli a casa. se poi si paghera' in nero e' grazie allo stato che continua ad aiutare l'evasione fiscale anziche' combatterla

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog